Il diritto all’educazione non violenta: significato e consigli per i genitori

In Germania la legge garantisceun’educazione non violenta. Quindi, di fatto, i genitori non possono più picchiare i propri figli. Ma che cosa significa in realtà? Perché la violenza nei genitori è così problematica? Nel nostro …

Il diritto all’educazione non violenta: significato e consigli per i genitori

Kinderrechte
  1. Rivista
  2. »
  3. Genitori
  4. »
  5. Educazione dei bambini
  6. »
  7. Il diritto all’educazione non violenta: significato e consigli per i genitori
C’è ancora violenza nell’educazione?

Anche se è ormai accettato dalla maggior parte delle persone che ogni bambino ha diritto a un’educazione non violenta, purtroppo ci sono ancora genitori che puniscono fisicamente i loro figli.

Cosa si intende per violenza nell’educazione dei genitori?

Non solo le punizioni corporali sono percepite come violenza nella genitorialità. Anche l’esposizione del bambino o la violenza verbale sono assolutamente tabù.

Cosa fa la violenza ai bambini?

Un’educazione violenta ha effetti immensi sulla psiche del bambino e può influenzarlo per tutta la vita.

In Germania la legge garantisceun’educazione non violenta. Quindi, di fatto, i genitori non possono più picchiare i propri figli. Ma che cosa significa in realtà? Perché la violenza nei genitori è così problematica?

Nel nostro articolo vorremmo descrivere brevemente la situazione giuridica e spiegare perché crescere i figli senza violenza fisica è più facile anche per i genitori.
Inoltre, esamineremo quali opzioni avete se le persone intorno a voi non rispettano il diritto a un’educazione non violenta.

[button]Ulteriore letteratura sull’argomento[/button]

1. ogni bambino ha diritto a un’educazione non violenta

Aufgeschlagenes Gesetzbuch
Dal 2000, il diritto a un’educazione non violenta è presente nella legge tedesca.

La violenza sui bambini nel contesto dell’educazione è vietata per legge dal 2000. La normativa corrispondente è contenuta nel
§1631 BGB (Codice civile tedesco). In particolare, la disposizione del BGB non è rivolta solo al classico caso in cui i genitori picchiano i figli. Piuttosto, i diritti dei bambini comprendono le tre aree seguenti:

  • punizioni fisiche
  • abuso mentale
  • altre misure degradanti

Anche se la maggioranza della popolazione rifiuta la violenza sui bambini, numerosi studi dimostrano che un’educazione completamente non violenta è ben lungi dall’essere la regola.
Se ci sono reazioni di sfida e conflitti in famiglia, spesso finiscono con la violenza fisica.
In molti casi basta uno schiaffo sul sedere. Tuttavia, anche questa misura porta a un cambiamento nel rapporto tra genitori e figli.

2. la violenza non è una soluzione

Elternteil schlägt Kind
Le botte non risolvono i problemi.

La vita con i figli non è sempre facile. Ogni tanto, ogni genitore raggiunge i propri limiti. Tuttavia, chi tende a essere aggressivo in situazioni estreme e a prendersela con i figli non fa che peggiorare la situazione.

Il legame più importante tra genitori e figli è una base di fiducia condivisa. Anche un solo colpo, uno schiaffo o una pacca sul sedere possono rompere questo legame invisibile.

Per i bambini piccoli il mondo è ancora in bianco e nero. La grande gioia si dissolve rapidamente nel nulla se qualcosa non funziona come desiderato. All’entusiasmo gioioso segue un rimprovero o un capriccio.
Anche se questo può essere estremamente faticoso e i vostri nervi non sono altrettanto forti ogni giorno, dovreste sempre cercare di aiutare il vostro bambino con le parole.

Suggerimento: agite con coerenza. In questo modo i bambini imparano a valutare il vostro comportamento. Di norma, i capricci finiscono da soli dopo pochi minuti.

3. l’educazione non violenta si applica in modo globale

Certamente esistono molti punti di vista diversi nell’ambito dell’educazione dei figli. Alcuni genitori considerano importanti regole chiare e una chiara struttura di potere, mentre altri genitori rifiutano in generale le punizioni e danno la priorità al libero sviluppo della personalità del bambino.

Indipendentemente dallo stile genitoriale che si preferisce, la violenza non ha posto nell’educazione dei figli. Infatti, anche uno schiaffo sulle natiche è considerato un danno fisico ai sensi del § 223 StGB e può essere perseguito.

Tuttavia, non sono vietate solo le sculacciate che hanno un impatto diretto sulla salute del bambino, ma anche tutte le misure che possono causare danni psicologici.

Kind im Karton
La psiche di un bambino è fragile.

In pratica, questo non significa che si debba lasciare che il bambino la faccia franca in tutto e per tutto. Anzi, per dare ai bambini un po’ di struttura sono importanti confini e regole chiare.
Tuttavia, le seguenti misure non sono compatibili con un’educazione non violenta:

  • Ridicolizzare davanti agli altri (sia che si tratti di bambini che di adulti).
  • intimidire minacciando violenza fisica
  • Mancare di rispetto ai bambini (“non vali niente”, “non ce la farai comunque”, “se solo non ti avessi mai avuto” sono frasi che nessun bambino dovrebbe mai sentire).
  • Lasciare i bambini da soli a casa (senza supervisione, trascuratezza)
  • Sfruttare l’impotenza del bambino
  • Usare i bambini per i propri interessi (spesso come un giocattolo nelle coppie separate)

La violenza psicologica è purtroppo molto difficile da comprendere, ma lascia anche numerose cicatrici nell’anima del bambino.

4 Cosa fa la violenza all’infanzia

Kind bei einer Psychologin
Le vittime di violenza sono solitamente dipendenti dall’aiuto terapeutico.

I bambini che entrano in contatto con la violenza fisica o la trascuratezza emotiva in tenera età di solito non soffrono solo nell’infanzia, ma hanno anche difficoltà a impegnarsi in altre relazioni nel corso della loro vita.

All’inizio, molti bambini reagiscono con sensi di colpa, sentendosi responsabili dello sfogo violento dei genitori. In modo del tutto automatico, la loro autostima ne risente. Alcuni bambini si ritirano con forza, mentre altri reagiscono con rabbia e aggressività.

Altri bambini vengono picchiati perché i genitori sono abituati a farsi valere con la violenza in casa. L’irrequietezza interiore, i problemi di sonno o la pipì a letto all’età della scuola primaria sono solo alcuni dei modi in cui si può scatenare la violenza fisica e psicologica. Purtroppo, i risultati delle ricerche dimostrano sempre più spesso che, soprattutto i genitori che hanno subito violenza da bambini, ricorrono maggiormente alla violenza come genitori.

Se la protezione dei bambini viene calpestata e non si tratta più solo di uno schiaffo occasionale, ma di un abuso sistematico per molti anni, una vita normale è quasi impensabile.
Le persone colpite di solito parlano delle loro esperienze infantili traumatiche nel contesto di molti anni di psicoterapia.

Attenzione: se riconoscete segni di violenza in un bambino all’asilo o a scuola, non esitate a chiamare le autorità pubbliche. I bambini a rischio dipendono dall’aiuto esterno, poiché nessun bambino è in grado di liberarsi da solo.

5. consigli per un’educazione senza violenza

Mann steht mit einem Gürtel in der Hand vor einem Kind
Fermati prima di colpire la prossima volta.

Anche se le esperienze vissute plasmano ogni persona e la rendono ciò che è oggi, ci sono sempre modi per lavorare su se stessi. Se la vostra mano è scivolata una volta, questo non significa certo la fine del rapporto con il vostro bambino.
Tuttavia, dipende da voi il modo in cui affronterete le situazioni difficili in futuro e se riuscirete a concentrarvi su una genitorialità non violenta d’ora in poi.

Mettete in discussione voi stessi e il vostro comportamento per capire che la violenza non è una soluzione. Le domande che seguono dovrebbero aiutarvi a capire qual è il problema che si nasconde dietro la violenza:

  • Perché colpisco? In quali momenti reagisco con particolare durezza?
  • Il mio bambino è particolarmente difficile? E le botte risolvono il problema?
  • Mi sento in colpa dopo uno scatto di violenza?

Tutti sono sopraffatti di tanto in tanto e non c’è da vergognarsi ad ammetterlo a se stessi. Tuttavia, non permettete a voi stessi di scaricare questi sentimenti su vostro figlio.
Cercate invece un aiuto professionale. Esistono numerosi contatti a cui potete rivolgervi senza essere giudicati.
Qui potete cercare direttamente i centri di consulenza dell’Agenzia per la protezione dell’infanzia nella vostra zona.

Suggerimento: il dialogo e l’ascolto attivo sono la chiave della comunicazione. Mostrate a vostro figlio se un comportamento vi ha ferito, ma rimanete corretti e cercate di capire il suo punto di vista.

6. ulteriore letteratura sull’argomento

Bestseller No. 1
OffertaBestseller No. 2
Urlare non serve a nulla. Gestire i conflitti con i figli per farsi ascoltare e guidarli nella crescita
  • Editore: Rizzoli
  • Autore: Daniele Novara
  • Collana: BUR Parenting
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2014
OffertaBestseller No. 3
Crescere i bambini con la comunicazione nonviolenta
  • Editore: Esserci
  • Autore: Marshall B. Rosenberg , F. Rossi
  • Collana: Bisogni e risposte
  • Formato: Libro rilegato
  • Anno: 2007

Articoli correlati