Congedo parentale: Ecco i punti da tenere a mente durante il congedo parentale

Un nuovo essere umano vede la luce. Chi ha vissuto un momento così magico non lo dimenticherà mai. Ma presto torna la vita di tutti i giorni e sorgono molte domande sulla gestione del bambino. …

Congedo parentale: Ecco i punti da tenere a mente durante il congedo parentale

Elternzeit-Ratgeber
  1. Rivista
  2. »
  3. Gravidanza
  4. »
  5. Congedo parentale: Ecco i punti da tenere a mente durante il congedo parentale
Fino a quando devo richiedere il congedo parentale al mio datore di lavoro?

Il termine per richiedere il congedo parentale al proprio datore di lavoro è di sette settimane. Se si richiede il congedo parentale per un bambino di età superiore ai tre anni, il termine è di 13 settimane.

Per quanto tempo posso prendere il congedo parentale?

Si ha diritto a un massimo di 36 mesi di congedo parentale. L’indennità parentale e il congedo parentale sono indipendenti l’uno dall’altro, quindi è necessario tenere conto della propria situazione finanziaria al momento della pianificazione.

Chiunque può richiedere il congedo parentale?

No, ci sono alcuni requisiti da soddisfare per poter richiedere il congedo parentale. Tuttavia, questo non rappresenta un ostacolo per la maggior parte dei dipendenti.

Un nuovo essere umano vede la luce. Chi ha vissuto un momento così magico non lo dimenticherà mai. Ma presto torna la vita di tutti i giorni e sorgono molte domande sulla gestione del bambino. Cosa significa il congedo parentale? Che ne sarà dello stipendio? Posso lavorare nonostante il congedo parentale?

La nostra guida completa al congedo parentale vi spiega come e dove richiedere il congedo parentale. Riceverete informazioni sulla durata del congedo parentale e sulle possibilità di dividerlo tra i genitori. Naturalmente, vi spieghiamo anche come il congedo di maternità e il congedo parentale sono collegati tra loro e quali sono le particolarità del congedo parentale per i gemelli.

[button]Ulteriori informazioni sull’argomento[/button]

1. l’importanza del congedo parentale

Dauer Elternzeit
Combinare in modo intelligente congedo parentale e denaro

Come suggerisce il nome della parola, i genitori dovrebbero avere tempo da dedicare al proprio figlio. Allo stesso tempo, il lavoro non deve passare in secondo piano. L’obiettivo dichiarato del legislatore è piuttosto quello di dare ai genitori l’opportunità di prendersi una pausa di carriera più breve, ma senza perdere il contatto.

Chi si prende una pausa di questo tipo dovrebbe poter continuare a svolgere la sua precedente occupazione anche in futuro.

Possono utilizzare il congedo parentale in modo flessibile. Chi smette completamente di lavorare può richiedere fino a 36 mesi di congedo parentale senza retribuzione. È possibile una suddivisione come segue:

  • usufruire di tutti i 36 mesi entro i primi tre anni di vita del bambino
  • usufruire di un periodo compreso tra i 12 e i 36 mesi nei primi tre anni di vita del bambino; utilizzare il tempo rimanente fino al compimento degli otto anni di età del bambino
  • usufruire di un massimo di 24 mesi nel periodo compreso tra il terzo e l’ottavo anno di vita del bambino

Naturalmente sono possibili altri accordi individuali con il datore di lavoro. Tuttavia, questi presuppongono che il datore di lavoro sia comprensivo. Purtroppo non è sempre così.

Suggerimento: utilizzate il vostro congedo parentale con saggezza e combinatelo con l’indennità parentale e l’indennità parentale plus. In questo modo, rimarrete finanziariamente sicuri anche durante la fase in cui non lavorate o lavorate meno.

2 Non tutti hanno diritto al congedo parentale

Antrag Elternzeit Vater
Nella maggior parte dei casi, si ha diritto al congedo parentale!

Siete lavoratori dipendenti e desiderate richiedere il congedo parentale? In questo caso è relativamente facile. Tuttavia, è necessario soddisfare alcuni requisiti. L’elenco seguente mostra in quali circostanze è possibile richiedere il congedo parentale:

  • avete un rapporto di lavoro (a tempo determinato, indeterminato, part-time o full-time).
  • si desidera dedicare il congedo parentale alla cura dei figli
  • il bambino di cui volete occuparvi vive nella vostra stessa famiglia
  • l’orario di lavoro settimanale non supera le 30 ore (durante il congedo parentale)
  • il compito di cura del bambino viene svolto principalmente da voi

Inoltre, potete richiedere il congedo parentale non solo nel caso in cui vi occupiate del vostro stesso figlio. Avete diritto al congedo parentale anche se

  • vi prendete cura di un bambino e la paternità non è ancora stata chiarita definitivamente (a condizione che la madre del bambino sia d’accordo con la cura).
  • vi prendete cura del figlio del vostro partner (questo vale sia per i partner registrati che per i coniugi).
  • si accoglie un bambino adottato o in affidamento.
  • i genitori del bambino (che devono essere parenti stretti, come fratelli o cugini) non possono occuparsi del bambino a causa di una grave malattia.
  • si tratta di vostro nipote e il bambino non è ancora maggiorenne o ha iniziato gli studi quando non era ancora maggiorenne.

3. lavorare durante il congedo parentale

Elternzeit beantragen Muster
Presentate la domanda di indennità parentale al vostro datore di lavoro

Se non volete smettere di lavorare del tutto, siete ovviamente liberi di farlo. In linea di principio, il congedo parentale è regolato in modo tale che il vostro rapporto di lavoro è sospeso durante il periodo in cui richiedete il congedo parentale. Il rapporto di lavoro non si estingue, ma prosegue normalmente. Non dovete quindi temere di essere licenziati.

Durante il congedo parentale si può lavorare al massimo 30 ore alla settimana. Se si lavora di più, il legislatore non ritiene necessario il congedo parentale. Pertanto, quando tornate al lavoro, fate attenzione a questo limite.

Se si richiede il congedo parentale a tempo parziale, il tempo totale di lavoro non cambia. Si ha lo stesso diritto sia che si lavori a metà tempo sia che si lavori solo per poche ore. Se si lavora durante il congedo parentale, si ha diritto a un massimo di 36 mesi del bonus speciale concesso ai genitori.

La maggior parte dei genitori che lavorano a tempo parziale combina il congedo parentale con l’indennità parentale plus. Ciò significa che il vostro stipendio è significativamente più alto di quello che avreste se foste pagati solo per il vostro lavoro a tempo parziale. Sul sito web del Ministero federale del Lavoro e degli Affari sociali è disponibile un documento PDF molto esaustivo sul tema del lavoro a tempo parziale.

A differenza del periodo di congedo parentale, che rimane sempre lo stesso sia che si lavori per poche ore sia che non lo si faccia, il diritto raddoppia quando si viene pagati in contanti.
La differenza principale tra l’Elterngeld normale e l’Elterngeld Plus è che l’Elterngeld Plus viene pagato fino a 28 mesi. L’Elterngeld semplice, invece, viene pagato per un massimo di 14 mesi (contando due mesi di collaborazione). Tuttavia, l’importo dell’Elterngeld Plus è legato all’Elterngeld normale e può essere al massimo la metà del suo valore.

Attenzione: è possibile richiedere il congedo parentale indipendentemente dal fatto che si riceva o meno l’indennità parentale!

https://www.youtube.com/watch?v=JbNO_T7OvrY&t=

4. la possibilità di frazionare il congedo parentale

In linea di principio, chiunque voglia frazionare il proprio congedo parentale può farlo. È possibile limitare il periodo a pochi giorni, settimane o mesi. Se, ad esempio, il marito o la moglie si occupa regolarmente del bambino ma è impossibilitato a farlo per un breve periodo, può richiedere il congedo parentale al proprio datore di lavoro.

Durante l’intero periodo in cui vi occupate del bambino, potete scegliere tre periodi in cui richiedere il congedo parentale.

Non importa se si richiede il congedo parentale come madre o come padre. Per la durata del congedo parentale, inoltre, è del tutto indipendente dal fatto che il vostro partner ne faccia richiesta. Ciascuno di voi ha diritto a un periodo massimo di 36 mesi.

4.1 Alcuni esempi di calcolo del congedo parentale

Antrag Elternzeit Muster
Gestire il congedo parentale in modo intelligente

Durante i primi tre anni di vita del bambino, è possibile prendere completamente il congedo parentale. Ma questo non è sempre auspicabile. Se il vostro bambino inizia a frequentare l’asilo nido all’età di due anni, potete tornare a lavorare a metà o a tempo pieno.

Se vi dividete il tempo come genitori, potete essere presenti insieme al vostro bambino per molto tempo. Naturalmente, questo non deve necessariamente occupare l’intera giornata. Il lavoro a tempo parziale è particolarmente adatto quando il bambino è già un po’ più grande.

Nella tabella seguente troverete alcune possibilità di condivisione. Potete usarle come guida per la vostra pianificazione.

Totale congedo parentale Suddiviso nel periodo
36 mesi e 12 mesi (come coppia) Nel primo anno, il congedo viene fruito interamente in coppia. Ciò significa che sono stati consumati 12 mesi. A questo punto il vostro partner torna al lavoro, mentre voi rimanete completamente a casa per il secondo anno. Nel terzo anno di vita del bambino, si lavora a metà tempo. Ciò significa che i 36 mesi sono completamente esauriti. Il vostro partner potrebbe ora rimanere a casa per un totale di 24 mesi nel periodo successivo. Questo sarebbe possibile fino al compimento degli otto anni di età del bambino.
36 mesi come genitore single Rimanete a casa per 18 mesi. Ora iniziate a lavorare part-time per i successivi 6 mesi. Ciò significa che avete già utilizzato 24 dei 36 mesi disponibili.
Se il vostro bambino inizia a frequentare l’asilo nido all’età di due anni, potreste lavorare a tempo pieno. Questo coprirebbe il periodo fino all’inizio della scuola. Se ora decidete di lavorare di nuovo meno, potete ridurre il lavoro per un altro anno e usufruire del congedo parentale.
Due volte 36 mesi in coppia Per sfruttare appieno il congedo parentale come coppia, ognuno di voi può rimanere a casa per un totale di tre anni, o almeno fare un’interruzione di carriera più breve. Ad esempio, potreste trascorrere i primi sei mesi a casa insieme. Dopodiché, il vostro partner torna a lavorare regolarmente, mentre voi rimanete a casa fino a quando il bambino non compie due anni.
A questo punto voi andate a lavorare a tempo pieno mentre il vostro partner lavora solo a tempo parziale per sei mesi.
Dopodiché, tra il terzo e l’ottavo anno di vita del bambino vi restano in totale 12 mesi, che potete dividere in due periodi. Il vostro partner può ancora richiedere 24 mesi all’interno di questo periodo, ma dovrebbe prenderli in un’unica soluzione.

4.2 Congedo di maternità e congedo parentale – meglio uno dopo l’altro

Bestätigung Elternzeit
Approfittate del periodo di congedo di maternità.

Il periodo di congedo di maternità viene conteggiato nel congedo parentale totale. Pertanto, se si richiede il congedo parentale mentre si è ancora interessati dal periodo di tutela della maternità, il datore di lavoro potrebbe non essere più tenuto a versare l’indennità di maternità.
Per evitare questo esito sfavorevole, dovreste iniziare il congedo parentale che desiderate solo quando scade il periodo di protezione della maternità.

Il periodo di tutela della maternità inizia non più tardi di sei settimane prima della nascita prevista del bambino. Di solito termina, se non sorgono particolari difficoltà, otto settimane dopo la nascita del bambino. Durante questo periodo si applica anche un divieto di lavoro, che può essere ignorato solo in casi eccezionali.

Per il padre del bambino non cambia nulla. Poiché i padri non sono interessati dal periodo di tutela della maternità, potete richiedere il congedo parentale non appena nasce vostro figlio. Tuttavia, se la donna richiede l’indennità parentale dopo la scadenza del periodo di protezione della maternità, non si otterrà il prolungamento dell’intera durata del congedo parentale.

In caso di gemelli, non si applicano regole speciali per quanto riguarda il congedo parentale. Tuttavia, dal momento che i figli non sono uno ma due, è possibile utilizzare due volte l’intero periodo di 36 mesi. Tuttavia, è discutibile che ciò sia finanziariamente fattibile.

5 La domanda di congedo parentale

Non è necessario il consenso del datore di lavoro per richiedere il congedo parentale per voi e il vostro bambino. Tuttavia, il datore di lavoro deve essere informato del vostro stato. Se siete incinta, dovete informare il vostro datore di lavoro il prima possibile, in modo che possa cercare un sostituto durante il vostro congedo.

Elternzeitrechner
Il termine per richiedere il congedo parentale

Da un punto di vista puramente legale, dovete comunicare per iscritto al vostro datore di lavoro la vostra intenzione di prendere il congedo parentale almeno sette settimane prima di usufruirne. Per poter sfruttare appieno il periodo di congedo di maternità, è consigliabile presentare la domanda solo dopo la nascita del bambino.

Tuttavia, pensateci nella prima settimana dopo la nascita del bambino. Potete già preparare una lettera in anticipo, che poi dovrete solo consegnare.

Se volete prendere un periodo di ferie tra il terzo e l’ottavo anno di vita del bambino, la scadenza è diversa. Poiché in questo caso si possono fare calcoli un po’ più precisi, è necessario informare per iscritto il datore di lavoro almeno 13 settimane prima della data prevista.

Suggerimento: assicuratevi che il vostro datore di lavoro confermi la scadenza per la presentazione dei documenti. Questo servirà come prova in caso di problemi successivi. Inoltre, dovreste indicare date specifiche per evitare malintesi.

Tuttavia, non è un problema se nell’annuncio scrivete “dalla nascita per un anno”, poiché la data di nascita può essere chiaramente determinata. In questo caso, è meglio inserire la data di nascita prevista per evitare malintesi.

Possibili problemi con il datore di lavoro

Come abbiamo già detto, in linea di principio il datore di lavoro non può opporsi a un congedo parentale programmato e annunciato per tempo. Tuttavia, esiste una particolarità se la richiesta viene presentata tra il terzo e l’ottavo anno di vita del bambino.
Se si tratta del terzo periodo in totale, il datore di lavoro può impedirlo. Tuttavia, deve addurre ragioni operative urgenti che vi rendano indispensabili come dipendenti durante questo periodo.

Formular Elternzeit
Parlate per tempo con il vostro capo.

La situazione è simile se volete prolungare il vostro congedo parentale. In genere ciò è possibile solo se il datore di lavoro è d’accordo. Supponiamo che inizialmente vogliate prendervi cura del bambino per sei mesi, ma che nel corso del tempo decidiate di prolungare la fase a dodici mesi. In questo caso, dovete contare sulla buona volontà del vostro datore di lavoro. Ai sensi del § 13 comma 3 p. 1 BeeG (legge federale sugli assegni parentali e sul congedo parentale), è necessario il consenso del datore di lavoro.

Tuttavia, esiste la possibilità di prolungare il terzo periodo oltre il compimento del terzo anno di età del bambino. In questo caso, il periodo deve iniziare prima del compimento del terzo anno di età del bambino, ad esempio quando il bambino ha 2 anni e mezzo.
Supponiamo che vi rimanga un diritto di 18 mesi. In questo modo, senza che il vostro datore di lavoro possa rifiutare, potete richiedere il terzo periodo per il periodo in cui il vostro bambino ha tra i 2 anni e mezzo e i 4 anni.

In questo caso è importante rispettare le scadenze. Per il periodo precedente al compimento del terzo anno di età del bambino, la scadenza per la presentazione della domanda è di 7 settimane. Quando il bambino ha più di tre anni, è necessario annunciare il periodo di ferie almeno 13 settimane prima della data prevista.

In alcuni casi, se si richiede il congedo per sé e per il bambino poco prima del suo terzo compleanno, le due scadenze possono sovrapporsi.
Pertanto, assicuratevi di agire in tempo per evitare di avere problemi con il vostro datore di lavoro.

7 Diritto alle ferie durante il congedo parentale

Die Erziehungszeiten clever planen
Il vostro diritto alle ferie rimane con voi.

Una buona notizia attende tutti coloro che hanno ancora delle ferie da godere quando si va in congedo parentale. Il vostro diritto alle ferie rimane con voi nonostante il vostro congedo. § L’articolo 17, paragrafo 2, dell’ApeG stabilisce che il datore di lavoro deve concedere le ferie con effetto retroattivo nell’anno in corso o in quello successivo. In questo modo il periodo di congedo è molto più lungo del solito.

Ad esempio, se non avete lavorato nel periodo dal 01.05.2016 al 01.02.2017, manterrete il diritto alle ferie fino al 31.12.2018.

Durante il periodo in cui rimanete completamente a casa, il vostro datore di lavoro può ridurre il vostro diritto alle ferie. Di norma, ciò significa che non si acquisiscono ulteriori diritti alle ferie. Tuttavia, si applica una regola speciale se si rimane a casa completamente solo per un breve periodo.

La riduzione del diritto alle ferie è possibile solo nel caso in cui l’assenza si protragga per un mese intero. Se decidete di rimanere a casa dal 7 agosto al 25 ottobre, solo il mese di settembre conta come mese intero. Per questo mese, il datore di lavoro può ridurre di 1/12 il diritto alle ferie. Per un diritto alle ferie di 30 giorni all’anno, si tratta di 2,5 giorni. Questo vale anche se non avete lavorato per più di due mesi.

Tuttavia, nel caso di assenze più lunghe, questo piccolo vantaggio è appena percettibile. Tuttavia, quando si pianificano periodi brevi, bisogna sempre ricordare che il congedo parentale può essere suddiviso solo in tre periodi in totale.

8. rientro dopo il congedo parentale o dimissioni a termine?

Gleiche oder neue Stelle
Forse il rientro prevede un nuovo lavoro.

Il ritorno al lavoro è garantito dal programma di congedo parentale. Avete il diritto di tornare al vostro lavoro o a un lavoro equivalente. Tuttavia, ciò può significare che non tornerete alla vostra vecchia scrivania.
A seconda della situazione aziendale, il vostro datore di lavoro potrebbe aver dovuto organizzare una sostituzione per assegnarvi a un’altra posizione.

Con il termine lavoro equivalente, il legislatore si riferisce principalmente allo stipendio. Anche se in seguito si assume un altro lavoro, non si può ricevere una retribuzione inferiore.

Naturalmente, in alternativa, siete liberi di dare il preavviso direttamente dopo il congedo parentale. In questo caso, potete dare il preavviso per il giorno esatto in cui tornerete effettivamente al lavoro. Si applica un periodo di preavviso speciale di tre mesi.
Se invece desiderate dare il preavviso in un momento diverso, si applicano le normali norme del diritto del lavoro.

9. FAQ – Domande e risposte importanti

L’assicurazione sanitaria cambia durante il congedo parentale?

No, di solito non ci sono cambiamenti. Tuttavia, se si smette di lavorare, si può essere inclusi in un piano assicurativo familiare attraverso il proprio partner se si soddisfano i requisiti.

È possibile ricevere l’indennità di disoccupazione dopo il congedo parentale?

È possibile. Tuttavia, devono essere soddisfatte alcune condizioni. In primo luogo, è necessario aver lavorato per almeno un anno prima del congedo di maternità o parentale e aver versato l’indennità di disoccupazione.
Altrimenti, non ci sono problemi fino al compimento del terzo anno di età del bambino. Se ci si prende cura del bambino oltre questa fase, è necessario sottoscrivere un’assicurazione di disoccupazione aggiuntiva volontaria. Questa possibilità esiste solo dal 01.01.2017.

10. ulteriori informazioni sull’argomento

OffertaBestseller No. 1
Congedi parentali e maternità
  • Salazar paola (Author)
Bestseller No. 2
OffertaBestseller No. 3
I congedi parentali
  • Miscione, Michele (Author)

Articoli correlati