Il bambino piange di notte: bisogna lasciarlo piangere o no?

Lasciar piangere il bambino: a volte necessario o del tutto inaccettabile? Quasi nessun altro argomento è così discusso da scienziati, educatori e genitori. Ma cosa è giusto fare ora? Cosa posso fare se il bambino …

Il bambino piange di notte: bisogna lasciarlo piangere o no?

baby schreien lassen
  1. Rivista
  2. »
  3. Salute
  4. »
  5. Sviluppo del bambino
  6. »
  7. Il bambino piange di notte: bisogna lasciarlo piangere o no?
Perché un bambino piange?

I neonati non sono ancora in grado di comunicare correttamente. L’unico mezzo che hanno per farsi conoscere è il pianto. Un bambino piange quando è triste, quando soffre o quando non viene allattato adeguatamente.

Che cos’è il metodo Ferber?

Se il bambino non dorme, il metodo Ferber può essere d’aiuto. Si tratta di lasciare che il bambino pianga e di fare solo dei controlli. Tuttavia, il concetto è molto controverso nell’ambito della psicologia.

Dove posso trovare sostegno se mio figlio ha problemi ad addormentarsi?

Molti genitori desiderano un sostegno. Pertanto, non abbiate paura di chiedere al vostro pediatra dei problemi. In questo modo, potrete cercare insieme soluzioni individuali.

Lasciar piangere il bambino: a volte necessario o del tutto inaccettabile? Quasi nessun altro argomento è così discusso da scienziati, educatori e genitori. Ma cosa è giusto fare ora? Cosa posso fare se il bambino piange di notte?

Nella nostra guida vogliamo darvi informazioni sul perché i bambini piangono e su ciò che vogliono esprimere. Vi presenteremo anche il metodo Ferber e vi spiegheremo come questo metodo possa avere conseguenze per il bambino. Infine, vi daremo dei consigli che aiuteranno il vostro bambino ad addormentarsi e a dormire tutta la notte.

[button]Acquista il libro sul sonno del bambino[/button]

1. i bambini esprimono i loro bisogni attraverso il pianto

unzufriedenes Baby mit Fragezeichen
Ci sono molte ragioni diverse per cui un bambino piange di notte.

“Il mio bambino non smette di piangere” o “Il mio bambino piange tutto il giorno”: sono frasi tipiche di genitori che non sanno cosa fare. Quando un bambino piange molto e non riesce ad addormentarsi, questo può essere molto demoralizzante per i genitori.

Ma perché il bambino non smette di piangere? I bambini non sono ancora in grado di comunicare correttamente. L’unico mezzo che hanno per farsi sentire è il pianto. Un bambino piange quando è triste, quando soffre o quando i suoi bisogni non sono sufficientemente soddisfatti.

Ineonati, inoltre, non sono ancora in grado di dormire tutta la notte. Ciò è dovuto principalmente al fatto che non sono ancora riusciti a sviluppare un ritmo. Solo dopo circa sei mesi i piccoli sono pronti a dormire per qualche ora.

Questo per quanto riguarda la teoria. Nella pratica, tuttavia, il quadro è generalmente molto diverso. Da un’indagine condotta da Pampers in collaborazione con l’istituto di ricerca d’opinione Forsa, è emerso che il 78% dei bambini sotto l’anno di età si sveglia fino a quattro volte durante la notte.

Ma la fame, la sete o il pannolino pieno non sono le uniche ragioni comuni per cui il bambino non dorme o non riesce ad addormentarsi. I bambini hanno bisogno di amore, vicinanza e sicurezza. Se devono passare la notte da soli in una stanza buia, si spaventano. E questa paura è del tutto naturale.

2. lasciare che il bambino pianga in modo controllato – il metodo Ferber

Mutter will Baby nicht schreien lassen und beruhigt es sanft
Lo scopo è quello di calmare il bambino semplicemente con tocchi delicati.

È giusto lasciare che il bambino pianga? O bisogna sempre calmare il bambino quando piange continuamente? A che punto il bambino deve imparare ad addormentarsi da solo?

Quando il bambino piange di notte, molti genitori non sanno come reagire. Anche per paura della sindrome della morte improvvisa del lattante, i genitori corrono nella nursery a ogni pianto. Il Metodo Ferber, che prende il nome dal pediatra e neurologo americano Richard Ferber, intende offrire un aiuto ai genitori.

L’obiettivo di questo metodo è far sì che i bambini imparino a calmarsi da soli quando si svegliano di notte. È importante che questo metodo venga utilizzato solo con bambini sani.

Lo svezzamento graduale dovrebbe procedere come segue: La madre o il padre mettono a letto il bambino in uno stato di stanchezza. Segue un rituale del sonno, come la lettura ad alta voce o le coccole. Successivamente, i genitori lasciano la stanza. Se il bambino piange, i genitori possono controllare dopo 5 minuti se il bambino sta bene. Possono mettergli una mano sul pancino o accarezzargli delicatamente la schiena per calmarlo. Tuttavia, non devono mai tenere il bambino in braccio.

2.1 Ogni bambino può imparare a dormire

Anche il bestseller “Ogni bambino può imparare a dormire” di Annette Kast Zahn e Hartmut Morgenroth si basa sul metodo Ferber. Tuttavia, si tratta di una forma complessivamente più delicata.

Ulteriori controlli vengono effettuati rispettivamente dopo 5 e 10 minuti. Nelle notti successive, l’intervallo di tempo dovrebbe sempre essere prolungato. Il tempo massimo di attesa alla fine è di 30 minuti. I controlli vengono effettuati solo se il bambino piange.

Dopo pochi giorni, il bambino è pronto ad addormentarsi da solo e a calmarsi quando si sveglia di notte. Secondo Ferber, imparare a cambiare le abitudini del sonno è particolarmente importante quando i bambini hanno già interiorizzato rituali sbagliati, come quello di essere sempre portati in braccio.
D’altra parte, l’ipotesi che i genitori debbano lasciare che i loro figli piangano per sempre è sbagliata. Ferber sottolinea con forza che è importante che il bambino si accorga della presenza di qualcuno.

3. lasciare che il bambino pianga può avere effetti traumatici

Ilmetodo Ferber è stato oggetto di numerose critiche, soprattutto negli ultimi anni. Gli oppositori di questo metodo criticano soprattutto il fatto che il rifiuto della vicinanza e della sicurezza porta il bambino a subire conseguenze negative sotto forma di danni psicologici.

Poiché i genitori lasciano piangere il bambino, questi non è in grado di ridurre lo stress. Questo porta a sua volta a un aumento dei livelli di stress e a spiacevoli effetti collaterali. Inoltre, la fiducia nei genitori viene disturbata.

Kind liegt verängstigt im Bett und hält sich die Augen zu
I critici ritengono che il metodo possa portare a disturbi mentali.

Finora non esistono studi che confermino che il metodo Ferber danneggi i bambini. In un nuovo studio australiano, i ricercatori hanno addirittura scoperto che il metodo Ferber non ha effetti negativi. L’addestramento al sonno ha addirittura avuto un effetto positivo rispetto al gruppo di controllo. I bambini si addormentavano molto meglio e si svegliavano meno spesso durante la notte. Non sono state riscontrate differenze nemmeno per quanto riguarda il livello di stress e il rapporto genitori-figli.

Il metodo Ferber funziona molto spesso. Tuttavia, gli esperti sospettano che a un certo punto i bambini si rassegnino. Ciò significa che non imparano a calmarsi da soli, ma si addormentano per la stanchezza. Il fatto di non essere confortati può anche portare a un’esperienza traumatica.

Il metodo è valido o no? Purtroppo a questa domanda non si può rispondere in modo generale. Ogni coppia di genitori deve decidere individualmente se il metodo Ferber è adatto a loro. È anche possibile modificare il programma individualmente, ad esempio lasciando che il bambino pianga ma attenendosi ad esso. Soprattutto, è importante utilizzare il metodo solo quando la fiducia di base è già pienamente sviluppata e rafforzata.

I programmi di apprendimento del sonno dovrebbero essere utilizzati solo come soluzione di emergenza.

Un’altra opinione critica sul metodo Ferber si trova nel seguente video:

4. i rituali aiutano i bambini a dormire tutta la notte

Mutter bringt ihr Baby ins Bett
I rituali possono aiutare a insegnare al bambino un ritmo.

Un sonno buono e sano è estremamente importante per lo sviluppo del bambino. Poiché il bambino piange di notte e non riesce a dormire, le esperienze della giornata non possono essere elaborate correttamente.

Se il bambino non dorme di notte e piange molto, questo ha naturalmente un effetto negativo anche sul sonno dei genitori. Pertanto, bisogna intervenire se si nota che la situazione non migliora o addirittura peggiora.

I seguenti consigli possono aiutare ad addormentarsi:

  • Orari generalmente fissi per addormentarsi
  • Tuttavia, è bene adattare l’orario di addormentamento al periodo dell’anno e al bisogno individuale di sonno.
  • La stessa routine prima di andare a letto (spogliarsi, lavarsi…)
  • leggere ad alta voce o coccolarsi, ad esempio, per addormentarsi.
  • Creare un’atmosfera di benessere
  • Consentire eccezioni in caso di malattia

Suggerimento: molti genitori desiderano un sostegno. Pertanto, non abbiate paura di parlare dei problemi con il vostro pediatra. In questo modo potrete cercare insieme soluzioni individuali.

5. acquistare libri sul sonno del bambino

Bestseller No. 1
Cloud B Travel Soothing Sound Machine | Cuddly Stuffed Animal | 4 White Noise And 4 Lullabies | Auto-Shutoff | Elliot Elephant On The Go
  • ELLIOT ELEPHANT OTG: A new furry friend to add to your collection!
  • COMFORTING: Our products are designed to help calm and soothe children to fall asleep better and make bedtime more pleasant and comforting.
  • 8 SOOTHING SOUNDS: Choose between heartbeat, rain, waves, whale song, or 4 calming lullabies.
  • LULLABIES: Twinkle-Twinkle, Rockabye Baby, Classical Lullably & Tranquil Melody.
  • SMART SENSOR: Reactivates sound when baby wakes up. Automatic shutoff 23-45 min for sound.
Bestseller No. 2
Fall Asleep Like A Baby Every Night
  • Manzoor, Sohaib (Author)

Articoli correlati