Le fasi dello sviluppo secondo Piaget: tutto sul modello di sviluppo cognitivo dei bambini

[Ulteriori letture su Piaget [/button] Nato nel 1896, il biologo svizzero Jean Piaget è uno dei ricercatori più stimati nel campo della psicologia cognitiva dello sviluppo.Già all’età di undici anni, il ragazzo, ancora interessato principalmente …

Le fasi dello sviluppo secondo Piaget: tutto sul modello di sviluppo cognitivo dei bambini

Piaget Entwicklungsstufen
  1. Rivista
  2. »
  3. Salute
  4. »
  5. Sviluppo del bambino
  6. »
  7. Le fasi dello sviluppo secondo Piaget: tutto sul modello di sviluppo cognitivo dei bambini
Come è strutturato il modello di sviluppo secondo Piaget?

Secondo Piaget, lo sviluppo cognitivo procede in 4 fasi di sviluppo.

Quando il mio bambino raggiungerà la fase successiva?

Secondo la teoria degli stadi di Piaget, i bambini possono raggiungere un livello di pensiero superiore solo quando hanno completato i rispettivi stadi precedenti.

“Non si smette mai di imparare” – Che cos’è secondo Piaget?

Piaget ritiene che, sebbene le persone raggiungano la loro piena intelligenza nel quarto stadio, continuino a imparare per tutto il resto della loro vita.

[Ulteriori letture su Piaget [/button]

Nato nel 1896, il biologo svizzero Jean Piaget è uno dei ricercatori più stimati nel campo della psicologia cognitiva dello sviluppo.
Già all’età di undici anni, il ragazzo, ancora interessato principalmente alla biologia, scrisse i suoi primi saggi, che lo resero rapidamente famoso.

Nel corso del tempo, tuttavia, si dedicò sempre più allo sviluppo cognitivo dei bambini e creò il suo modello, ancora oggi molto rispettato.

Il collegamento elementare tra biologia, psicologia e filosofia è caratteristico delle fasi di sviluppo di Piaget.

1. secondo Piaget, lo sviluppo cognitivo comprende 4 stadi di sviluppo

Kinder unterschiedlichen Alters liegen auf einer Wiese
I bambini si sviluppano gradualmente.

Ogni bambino attraversa diverse fasi di sviluppo nel corso dell’infanzia. L’attenzione è sempre rivolta alla ricerca dell’equilibrio.

Questo equilibrio, descritto da Piaget come equilibrio, avviene attraverso l’accomodamento e l’assimilazione.

  • L’assimilazione avviene quando i bambini imparano a classificare una nuova esperienza in uno schema percettivo già noto. Questo porta alla generalizzazione attraverso la graduale familiarizzazione con circostanze simili.
  • L’assimilazione viene sempre utilizzata quando una nuova esperienza non può essere classificata nella precedente comprensione del mondo. In questo caso, la nuova esperienza porta a un’espansione e a un adattamento della visione del mondo. I bambini devono quindi imparare ad adattare costantemente il loro modello di pensiero, inizialmente molto limitato, alle esperienze fatte nell’ambiente.

Entrambi i processi si svolgono sempre in parallelo. Inoltre, anche i sensi stessi sono in continuo sviluppo, per cui una nuova abilità acquisita deve essere inserita in strutture già note o mantenuta in una nuova struttura.

2 Gli stadi di sviluppo di Piaget: ecco come si presenta il modello in dettaglio

La biografia di Piaget:

Se volete saperne di più su Jean Piaget e sulla sua vita, qui potete trovare una breve biografia e un elenco di tutte le sue pubblicazioni.

Jean Piaget divide lo sviluppo cognitivo nei seguenti quattro stadi:

  • intelligenza sensomotoria (da 0 a 2 anni)
  • intelligenza preoperativa (da 2 a 7 anni)
  • intelligenza concreto-operativa (da 7 a 11 anni)
  • intelligenza formale-operativa (da 11 anni)

Nelle sezioni seguenti, vorremmo introdurre brevemente le singole fasi di sviluppo secondo Piaget.

Qui potete vedere un video molto chiaro sulla teoria di Piaget:

2.1 Lo sviluppo dell’intelligenza sensomotoria nel bambino

ein Baby streckt sich
I neonati devono prima arrivare al mondo.

Tra gli 0 e i 2 anni, i bambini apprendono principalmente coinvolgendo tutti i loro sensi. Ogni oggetto che i bambini tengono in mano suscita quindi automaticamente la loro curiosità e viene sentito, analizzato con la lingua e, un po’ più tardi, anche guardato.

I bambini di questa età si divertono particolarmente quando la loro mente si sviluppa in termini di permanenza degli oggetti. Gli oggetti che scompaiono dalla vista per un breve periodo non sono in realtà scomparsi, ma semplicemente nascosti. Grazie allo sviluppo della memoria, i bambini sono sempre più in grado di percepire i cambiamenti nello spazio.

In questa fase, i bambini non sono ancora in grado di comprendere il mondo in tutte le sue sfaccettature. Di conseguenza, non sono in grado di capire che altre persone possono vedere il mondo in modo diverso. La loro visione del mondo è quindi ancora egocentrica.

2.2 All’età di due anni, i bambini raggiungono la fase preoperativa.

kleines Mädchen steht mit einem Fernglas im Gras
I bambini sono affascinati da molte cose.

Tra i 2 e i 7 anni, quando ancora pensano che gli altri vedano il mondo come loro, i bambini sono incredibilmente curiosi.

Tutto viene interrogato ed esaminato. Ogni fiore del prato, ogni insetto e tutti gli animali dello zoo sono incredibilmente interessanti.

Inoltre, il pensiero magico svolge un ruolo importante. I bambini usano la loro immaginazione e spesso mescolano realtà e fantasia.
Più che la riproduzione esatta dell’ambiente, è importante la sua caratterizzazione.

Grazie all’acquisizione di competenze linguistiche, il progresso dell’apprendimento cresce rapidamente in tutti i settori.

2.3 La fase concreto-operativa è caratterizzata da processi logici

Kinder räumen gemeinsam die Spülmaschine aus
L’organizzazione avviene in molte cose quotidiane.

Il pensiero logico non svolge ancora un ruolo importante nella fase pre-operativa. Tra i 7 e gli 11 anni, tuttavia, i bambini scoprono sempre più spesso le connessioni logiche.

La maggior parte dei bambini dispone le matite in base al colore, le ordina in base a una certa dimensione o inizia a organizzare i quaderni in modo autonomo.

L’inizio del pensiero logico è anche associato alla capacità di vedere le cose in modi diversi. I bambini sono sempre più capaci di guardare dietro la facciata e di pensare in modo spaziale.
Ad esempio, se un lato di un cubo non è visibile, è comunque chiaro quale cifra vi sia.

I pensieri e i sentimenti degli altri sono sempre più comprensibili. L’empatia migliora e i bambini sono in grado di capire che la loro visione delle cose non è l’unica al mondo.

2.4 L’intelligenza formale-operativa viene acquisita dai bambini nell’ultimo dei quattro stadi di sviluppo di Piaget.

Quando i bambini raggiungono lo stadio di sviluppo più alto secondo Piaget, hanno tutte le competenze necessarie per comprendere l’ambiente. Nell’ambito dello sviluppo cognitivo, ciò significa soprattutto che i bambini attribuiscono maggiore importanza ai sentimenti e ai pensieri astratti.

Si sviluppa sempre più la loro identità e i bambini iniziano a classificare le cose in base alla loro importanza per la loro vita.

Anche se le capacità mentali sono ormai sufficienti per provare e comprendere emozioni profonde, ci vuole ancora molta esperienza per crescere da esse.

Per questo motivo, la fase formale-operativa non si conclude, ma persiste per tutta la vita.

3 Critiche al modello degli stadi di Piaget

Anche se esiste più di un adattamento degli stadi di sviluppo di Piaget alla scienza, numerosi ricercatori mettono in discussione la teoria.

In particolare, si critica il fatto che gli stadi di sviluppo secondo Piaget dovrebbero essere rigidi e non mutevoli.
In alcuni esperimenti è stato dimostrato che i bambini hanno già le capacità del terzo stadio, anche se non hanno ancora completato completamente il secondo.

Inoltre, alcuni risultati delle ricerche di Piaget sono stati messi in dubbio perché troppo poco scientifici. In particolare, Piaget ha lavorato a lungo con i suoi tre figli.

Anche se certamente non tutti gli aspetti corrispondono al 100% agli standard odierni, gli stadi di sviluppo di Piaget sono molto utili per quanto riguarda le capacità cognitive dei bambini.

4 Ulteriori letture su Piaget

OffertaBestseller No. 1
La psicologia del bambino
  • Piaget, Jean (Author)
Bestseller No. 2
OffertaBestseller No. 3
OffertaBestseller No. 4
Il giudizio morale nel bambino
  • Piaget, Jean (Author)

Articoli correlati