L’encopresi (defecazione) nei bambini: Cause e terapia

[Ulteriori letture sull’encopresi [/button] Al più tardi all’età di circa tre o quattro anni, i bambini imparano a controllare i movimenti intestinali in modo da poter fare a meno del pannolino. Tuttavia, se il bambino …

L’encopresi (defecazione) nei bambini: Cause e terapia

enkopresis
  1. Rivista
  2. »
  3. Salute
  4. »
  5. Malattie infantili
  6. »
  7. L’encopresi (defecazione) nei bambini: Cause e terapia
Quando si parla di encopresi?

Quando i bambini a partire dai quattro anni defecano regolarmente in luoghi non destinati a questo scopo, si parla di encopresi. In Germania, circa l’1,5% dei bambini è affetto da questa condizione.

Quali sono le cause della defecazione?

Proprio come la pipì a letto, l’enuresi può avere cause sia fisiche che psicologiche. L’eccessiva dilatazione del retto porta a una copresenza eccessiva.

Come si può trattare l’encopresi?

Se il bambino soffre di encopresi, è necessario consultare il pediatra. Dopo aver chiarito le cause, uno speciale training intestinale può dare sollievo.

[Ulteriori letture sull’encopresi [/button]

Al più tardi all’età di circa tre o quattro anni, i bambini imparano a controllare i movimenti intestinali in modo da poter fare a meno del pannolino. Tuttavia, se il bambino soffre di encopresi, si verifica una defecazione regolare involontaria o volontaria.

Per comprendere meglio l’argomento, esamineremo di seguito le cause e i sintomi dell’encopresi. In seguito, vi presenteremo i metodi terapeutici più comuni.

1. L’encopresi si riferisce a una defecazione volontaria o involontaria nei bambini.

kleines Mädchen sitzt mit Schmerzen auf Toilette
Per molti bambini la defecazione è associata a un forte dolore.

Con il tempo, i bambini imparano a non fare la cacca nel pannolino ma ad andare in bagno. Nella maggior parte dei casi, l’apprendimento della pulizia avviene senza problemi. In media, il controllo della vescica e dell’intestino si stabilisce all’età di circa due o tre anni.

Tuttavia, alcuni bambini defecano ancora all’età di quattro o cinque anni. Questo può essere intenzionale o non intenzionale. In entrambi i casi si può trattare di encopresi. Nell’ICD-10, la Classificazione Internazionale delle Malattie, l’encopresi non organica è caratterizzata da defecazioni ripetute, arbitrarie o involontarie.

Tuttavia, si distinguono le due forme seguenti:

  • Defecazione primaria: Si verifica nei bambini di età superiore ai tre anni che non hanno ancora imparato a controllare i movimenti intestinali nel corso della loro vita.
  • Defecazionesecondaria: I bambini colpiti defecano di nuovo anche se prima erano puliti.


Complessivamente, circa l’1,5% dei bambini in Germania è affetto da encopresi. È sorprendente che i ragazzi soffrano di questo disturbo circa tre o quattro volte più spesso delle ragazze. Un terzo dei bambini affetti da encopresi ha a che fare anche con l’enuresi. Secondo gli esperti, ciò è dovuto al fatto che le feci premono contro la vescica, causandone lo svuotamento.

Nellamaggior parte dei bambini, i sintomi iniziano già durante l’infanzia. Per poter iniziare una terapia adeguata, è necessario andare a fondo delle cause. Il capitolo seguente illustra le possibili cause.

La causa più comune è una disfunzione fisica.

Magen-Darm-Trakt
L’encopresi è spesso accompagnata da stipsi cronica.

Per quanto riguarda le cause, occorre innanzitutto distinguere le due forme seguenti:

  • Encopresi ritentiva
  • Encopresi non ritentiva

L’encopresi ritentivasi verifica quando la causa è la stitichezza cronica. Questa disfunzione fisica colpisce circa l’80-95% dei bambini.

Poiché nell’intestino si formano feci dure, i bambini trovano molto doloroso svuotare l’intestino. La paura della defecazione, a sua volta, induce i bambini a trattenere le feci. Si crea così un circolo vizioso difficile da spezzare. Inoltre, anche le pareti intestinali ne risentono. Il risultato è la cosiddetta copresi da sovraccarico.

Il circolo vizioso che accompagna la stitichezza cronica si ripercuote anche sulla salute mentale dei pazienti. Questo spiega anche perché il 30-50% dei bambini colpiti presenta anomalie psicologiche.

L’encopresi non ritentiva ha di solito cause puramente psicologiche e si verifica senza costipazione. Sebbene i bambini abbiano movimenti intestinali regolari e normali, defecano tra un movimento e l’altro. Il problema può essere causato da circostanze esterne o da conflitti interni. Ad esempio, alcuni bambini sono sopraffatti da un trasloco, da un nuovo fratello o dalla separazione dei genitori.

Se la defecazione si verifica nei bambini in età scolare, le cause possono essere il cambio di scuola o altri problemi scolastici.

3. farsi diagnosticare l’encopresi da un pediatra

Eine Kinderärztin untersucht ein kleines Mädchen
I medici possono facilmente individuare l’encopresi con l’aiuto di esami e questionari.

Per questo tipo di disturbo è sempre opportuno consultare un pediatra o un medico dell’adolescenza. Questo vale soprattutto se la defecazione avviene almeno una volta al mese.

Ilmedico effettuerà innanzitutto un esame fisico. Palpando l’addome superiore e inferiore, il pediatra può stabilire se ci sono feci dure nell’intestino. Inoltre, può essere eseguito un esame ecografico. Per escludere le infezioni, un campione di feci viene esaminato in laboratorio.

Per formulareuna diagnosi definitiva, il medico chiederà anche di compilare un questionario. In questo questionario verranno chieste informazioni sulle abitudini alimentari e di consumo, nonché sulla frequenza dei movimenti intestinali.

Solo quando la diagnosi di encopresi è stata formulata è possibile iniziare una terapia adeguata.

4. trattare la defecazione con uno speciale training intestinale.

Trattare l’encopresi con i fiori di Bach

Molte malattie vengono oggi trattate con rimedi omeopatici. Secondo gli omeopati, le essenze di Sacreah dovrebbero aiutare l’enuresi. È meglio chiedere consiglio a uno specialista adeguato.

Se si tratta di un disturbo funzionale, la cosa principale è riabituare il bambino a movimenti intestinali normali. A questo scopo, fate sedere il bambino sul water per circa cinque-dieci minuti dopo ogni pasto. Non appena le feci vengono espulse, è necessario registrarle in un apposito calendario. Si possono anche introdurre premi per motivare il bambino. L’educazione intestinale può essere proseguita anche all’asilo nido. In questo caso, informate gli insegnanti responsabili.

Seil bambino soffre di stitichezza, è necessario un trattamento aggiuntivo con farmaci. Questi fanno sì che l’acqua nell’intestino venga legata e le feci diventino di conseguenza più morbide. È inoltre importante aumentare la quantità giornaliera di bevande. Inoltre, assicuratevi che il bambino mangi molte fibre alimentari.

Se la defecazione è dovuta a cause psicologiche, è consigliabile consultare uno psicologo. Attraverso la terapia della psichiatria infantile e giovanile, i bambini imparano a gestire le loro preoccupazioni e paure.

5 Ulteriore letteratura sull’encopresi

Bestseller No. 1
Enkopresis: 15
  • Gontard, Alexander von (Author)
Bestseller No. 2

Articoli correlati