La tolleranza alla frustrazione nei bambini: Sviluppo e come aumentarla

I bambini piccoli spesso colpiscono rapidamente il soffitto quando le cose non vanno come vorrebbero. Prima la barretta di cioccolato negata al supermercato, poi una partita persa all’asilo o una sconfitta nello sport. Ma quali …

La tolleranza alla frustrazione nei bambini: Sviluppo e come aumentarla

Frustrationstoleranz
  1. Rivista
  2. »
  3. Salute
  4. »
  5. Sviluppo del bambino
  6. »
  7. La tolleranza alla frustrazione nei bambini: Sviluppo e come aumentarla
Qual è l’importanza di acquisire una tolleranza alla frustrazione?

Il fatto che i bambini non solo abbiano accesso ai loro sentimenti, ma siano anche in grado di gestirli è un passo importante nello sviluppo del bambino.

Quando i bambini sviluppano la tolleranza alla frustrazione?

Alcuni bambini sviluppano un’elevata tolleranza alla frustrazione in tempi relativamente brevi, mentre per altri il processo richiede molto tempo e pazienza.

Come potete sostenere il bambino?

Non negate ai bambini i sentimenti negativi, ma mostrate loro come affrontare questi sentimenti.

I bambini piccoli spesso colpiscono rapidamente il soffitto quando le cose non vanno come vorrebbero. Prima la barretta di cioccolato negata al supermercato, poi una partita persa all’asilo o una sconfitta nello sport.

Ma quali sono le cause della scarsa tolleranza alla frustrazione? Come si può aumentare? E perché è così importante saper perdere?

Nella nostra guida esaminiamo da vicino lo sviluppo della personalità e vi mostriamo come sia possibile aumentare la tolleranza alla frustrazione in modo lento ma sicuro.

[button]Acquista libri sul tema della tolleranza alla frustrazione[/button]

1. I bambini devono imparare a gestire i propri sentimenti.

Kinder malen Smileys
I sentimenti sono vari e non facili da controllare.

Tutti i bambini si confrontano gradualmente con diversi sentimenti nel corso della loro vita. Oltre alla gioia e alla felicità, però, ci sono anche la rabbia e la delusione.

Nei primi mesi di vita, i bambini scoprono che tutti i loro bisogni sono soddisfatti. Anche questo è positivo e importante per costruire la fiducia di base. Con il passare del tempo, però, i genitori non riescono più a tollerare ogni comportamento e inevitabilmente nasce la frustrazione.

I sentimenti negativi sono del tutto normali e una bassa tolleranza alla frustrazione è sempre presente all’inizio della vita come parte dello sviluppo della personalità. Imparare a sopportare le sconfitte e a non avere sempre successo non è una sfida facile.

Tuttavia, ogni bambino deve imparare a gestire le delusioni e ad accettare le battute d’arresto prima di iniziare la scuola.

Suggerimento: non proteggete vostro figlio da tutti i sentimenti negativi. In caso contrario, i bambini non sono in grado di gestire le emozioni forti e hanno difficoltà a integrarsi nella società.

Ogni bambino ha una diversa tolleranza alla frustrazione.

I fratelli aiutano a rafforzare la tolleranza alla frustrazione:

I fratelli possono aiutare i bambini a sviluppare una maggiore tolleranza alla frustrazione perché non sono concentrati solo sui propri bisogni.
Secondo l’Ufficio federale di statistica, nel 2016 l’81% dei bambini di 10 anni è cresciuto con fratelli e sorelle.

Gestire la frustrazione è una sfida per tutti i bambini. Tuttavia, esistono grandi differenze di carattere, per cui la gestione dello stress funziona molto bene per alcuni bambini, mentre altri hanno bisogno di un po’ più di aiuto per affrontare le emozioni forti.

Per spiegare come si manifesta una bassa tolleranza alla frustrazione, vediamo brevemente la definizione:
La tolleranza alla frustrazione descrive la capacità di affrontare in modo costruttivo

  • aspettative deluse
  • obiettivi non raggiunti
  • e desideri non realizzati

da affrontare.

Mutter ermutigt Kind bei den Hausaufgaben
Incoraggiate vostro figlio a non arrendersi.

Se un bambino ha una tolleranza alla frustrazione piuttosto bassa, potete riconoscerlo, ad esempio, dalle seguenti caratteristiche nel test:

  • un bambino interrompe continuamente la vostra conversazione per dirvi qualcosa
  • in caso di sconfitta, si verificano spesso violenti scoppi di emozione
  • i bambini si arrendono molto rapidamente se non riescono al primo tentativo.
  • Quando si fa shopping, sorgono problemi se non si compra nulla al bambino.

Tuttavia, tutte queste qualità possono essere incoraggiate con un po’ di aiuto. Abbiate un po’ di pazienza e iniziate il più presto possibile a non impacchettare il vostro bambino nell’ovatta. Solo così potrà imparare ad accettare i sentimenti negativi senza impazzire.

3. aumentare la tolleranza alla frustrazione nei bambini: ecco come funziona

Se i bambini non hanno imparato a gestire la frustrazione, il problema si aggrava al più tardi a scuola. I conflitti con gli amici sono frequenti e la scarsa tolleranza alla frustrazione spesso si fa notare in classe per la mancanza di attenzione.
Per evitare che ciò accada, esistono vari modi per aumentare la tolleranza alla frustrazione.

In questo video di YouTube potete vedere alcuni consigli su come affrontare i giochi:

Nelle sezioni seguenti vi daremo alcuni suggerimenti su come gestire il comportamento del vostro bambino in situazioni future, al fine di rafforzare la tolleranza alla frustrazione.

3.1 L’attesa va imparata

Kind wartet auf ein Geschenk
Ha senso non esaudire direttamente i desideri.

Non tutti i desideri possono essere esauditi immediatamente. Ci sono cose da fare in casa. Per avere qualcosa in tavola, bisogna andare a fare la spesa e in un gruppo più numeroso, un bambino non può pretendere tutta l’attenzione.

Dato che non tutti i bisogni possono essere soddisfatti direttamente, ha senso allenare la pazienza fin da subito.

Cercate sempre di far capire al bambino perché certi desideri non possono essere soddisfatti subito o del tutto. In questo modo, il bambino può imparare che anche voi avete dei compiti da svolgere.

Utilizzate le seguenti idee per risolvere il problema della pazienza:

  • Il bambino vuole che giochiate con lui mentre stendete il bucato: “Stendo velocemente il bucato e poi possiamo giocare insieme. Scegli pure un gioco”.
  • Siete stati interrotti durante una telefonata importante: “Vengo da te appena ho finito la telefonata. Perché non giochi un po’ in giardino e non mi aspetti lì?”.

Naturalmente, nella pratica questo a volte si rivela non così facile. Tuttavia, più spesso ci si esercita in queste situazioni, più facile sarà per il bambino rinunciare per un momento alla vostra attenzione.

Suggerimento: il Natale e i compleanni sono buone occasioni in cui i bambini possono imparare ad aspettare qualcosa e a farne a meno in anticipo.

3.2 Comprendere e controllare le emozioni

Kinder beim Mikado spielen
A nessuno piacciono i perdenti.

Nel campo della psicologia, l’intelligenza emotiva è intesa come la capacità di percepire le emozioni ma di non lasciarsi turbare da esse.
Le persone che hanno un’alta tolleranza alla frustrazione difficilmente si lasciano turbare dalle emozioni e sono quindi un modello in termini di gestione dello stress.

Per imparare questo concetto, mostrate ai vostri figli che capite le emozioni. È solo la loro gestione che mette in difficoltà gli altri. Lasciate che il capriccio acuto svanisca e parlate con calma della situazione con vostro figlio.

Con domande mirate, ad esempio

  • Perché è difficile perdere?
  • Vi sentite meglio quando rovesciate la tavola?
  • Come ti sentiresti se qualcun altro si arrabbiasse quando vinci una partita? Vorreste ancora giocare con lui?

vi avvicinate alla soluzione passo dopo passo.

Attenzione: i bambini che non sanno perdere o che non hanno imparato a essere attenti alle esigenze degli altri, prima o poi soffrono di solitudine.

3.3 Consentire gli errori per promuovere la motivazione

Kind spielt mit Bauklötzen
Incoraggiare l’indipendenza.

Lasciate deliberatamente che i vostri figli falliscano in un compito o in un altro per allenarli ad affrontarlo. Se date la soluzione, non cambierete l’autostima del bambino. Anzi, questo tende a portare a una mancanza di concentrazione, perché il bambino ha imparato da questa situazione a chiedere aiuto in caso di dubbio.

Tuttavia, per sviluppare una buona autostima, è necessario capire le cose da soli e padroneggiare alcuni compiti in cui il bambino ha fallito in precedenza. Questo vale sia per impilare i mattoncini e costruire con i pezzi del Lego, sia per i compiti a scuola.

Tutti questi compiti richiedono una certa resistenza e una sana gestione dei conflitti, che possono essere acquisiti solo gradualmente.

Suggerimento: aiutate vostro figlio a gestire il compito stesso.

4. acquistare libri sulla tolleranza alla frustrazione

Bestseller No. 2
Dr. Empatho X
  • Presley Ph.D., Wanda M (Author)
Bestseller No. 3

Articoli correlati