Antidolorifici durante l’allattamento: cosa è consentito alla madre?

Per molte madri è molto importante nutrire il bambino solo con il latte materno all’inizio, perché è l’alimento più sano per i bambini. Tuttavia, se soffrono di mal di testa, ad esempio, spesso non sono …

Antidolorifici durante l’allattamento: cosa è consentito alla madre?

symbolbild für schmerzmittel in der stillzeit
  1. Rivista
  2. »
  3. Gravidanza
  4. »
  5. Dopo la gravidanza
  6. »
  7. Antidolorifici durante l’allattamento: cosa è consentito alla madre?
È possibile assumere antidolorifici durante l’allattamento?

Sì, esistono molti antidolorifici i cui principi attivi passano nel latte materno in quantità minime e sono quindi del tutto sicuri. Nel migliore dei casi, è opportuno assumere questi farmaci direttamente dopo l’allattamento.

Quali farmaci antidolorifici sono particolarmente indicati?

Durante l’allattamento si dovrebbero usare soprattutto paracetamolo e ibuprofene. Se il dolore è molto forte, si possono usare anche gli oppioidi per un breve periodo.

Esistono altri modi per alleviare il dolore?

In molti casi, anche misure non farmacologiche possono contribuire a ridurre il dolore. Tra le misure utili vi sono l’esercizio fisico, il riposo regolare e l’uso di tecniche di rilassamento. Tuttavia, è bene evitare il più possibile i rimedi erboristici.

Per molte madri è molto importante nutrire il bambino solo con il latte materno all’inizio, perché è l’alimento più sano per i bambini. Tuttavia, se soffrono di mal di testa, ad esempio, spesso non sono sicure di poter assumere antidolorifici durante l’allattamento o se l’assunzione di tali farmaci possa avere un effetto negativo sullo sviluppo del bambino.

Le spieghiamo in che misura è possibile usare gli antidolorifici durante l’allattamento. Vi informeremo su quali farmaci sono consentiti e quali invece vanno assolutamente evitati. Infine, vi diamo consigli su come eliminare il dolore con l’aiuto di misure non farmacologiche.

[button]Ulteriori letture sull’allattamento al seno[/button]

1. assumere il minor numero possibile di farmaci durante l’allattamento

hand lehnt loeffel mit medikamenten ab
In linea di massima, è consigliabile assumere il minor numero possibile di farmaci durante l’allattamento.

Mal di denti, mal di testa, mal di gola: le donne devono affrontare anche questi problemi durante la gravidanza e l’allattamento. Di solito, chi ne è affetto assume farmaci che alleviano il dolore in breve tempo, in modo da poter affrontare la vita di tutti i giorni.

Ledonne in gravidanza devono sempre prestare molta attenzione all’assunzione di farmaci. Nel peggiore dei casi, ciò può portare a danni conseguenti o a difficoltà durante la gravidanza e il parto.

Ma questo vale anche per le madri che allattano regolarmente il loro bambino? Gli antidolorifici assunti passano naturalmente nel latte materno, quindi durante l’allattamento si dovrebbe assumere il minor numero possibile di farmaci. Tuttavia, la tossicità del latte materno è spesso sopravvalutata. Poiché la concentrazione è molto bassa, di solito non c’è alcun rischio per il bambino.

È importante interrogarsi sempre sulla necessità di assumere il farmaco. In caso di forte dolore, la terapia del dolore della madre viene sempre prima di tutto. Tuttavia, discutete sempre con il vostro medico quali farmaci sono adatti a voi. Assicuratevi inoltre di assumere il farmaco subito dopo l’allattamento, in modo da avere il maggior tempo possibile prima dell’allattamento successivo. In caso di dubbio, si può anche tirare il latte materno in anticipo e conservarlo in frigorifero.

La terapia farmacologica richiede un’interruzione dell’allattamento o lo svezzamento solo in casi molto rari. La maggior parte delle monopreparazioni è completamente sicura per il bambino.

Molte informazioni importanti sui farmaci antidolorifici durante la gravidanza e l’allattamento si trovano anche nel seguente video:

2. in caso di dubbio, utilizzare paracetamolo o ibuprofene.

Emivita dei farmaci

Il termine emivita viene spesso utilizzato in relazione alle compresse. Descrive il periodo di tempo in cui la concentrazione del principio attivo nel sangue scende al 50%. Questo valore è particolarmente importante durante l’allattamento. È meglio assumere farmaci ad azione breve con un’emivita breve.

Se una madre che allatta soffre di un raffreddore persistente, di emicrania o di un forte mal di denti, può essere urgente assumere antidolorifici per rimettersi in forma. Lo stesso vale per un incidente o un infortunio sportivo.

Per i dolori lievi che si verificano durante un raffreddore o un’influenza, ad esempio, il paracetamolo dovrebbe essere il rimedio di scelta. Il buon effetto del farmaco, sperimentato da decenni, è stato dimostrato sia in gravidanza che durante l’allattamento. Solo quantità minime del principio attivo passano nel latte materno.

Se il dolore è più forte, si può usare anche l’ibuprofene. Questo farmaco ha un effetto analgesico, antinfiammatorio e antipiretico, quindi può essere utilizzato per forti mal di testa, emicranie, mal di denti, dolori dovuti alle mestruazioni o infiammazioni del torace. Anche con una dose giornaliera relativamente alta, solo quantità minime del principio attivo passano nel latte materno.

Gli oppioidi sono forti antidolorifici che dovrebbero essere utilizzati solo per i dolori più forti. È quindi importante discutere preventivamente l’uso degli oppioidi con il proprio medico.

Se si devono assumere oppioidi per un periodo di tempo prolungato, è necessario chiedere consiglio al medico. In alcuni casi può essere necessario interrompere l’allattamento.


3. farmaci che è assolutamente vietato assumere in gravidanza

mutter mit ihrem baby im arztgespraech
È bene discutere con il proprio medico curante di qualsiasi farmaco si stia assumendo.

Se state pensando di prendere un antidolorifico durante l’allattamento, dovreste sempre usare rimedi provati e testati in farmacia. Hanno il vantaggio che gli effetti collaterali e i pericoli sono già stati studiati per un lungo periodo di tempo. Inoltre, si dovrebbero assumere solo monopreparati. Il rischio di effetti collaterali indesiderati è maggiore con i preparati combinati.

Esistono anche farmaci che possono avere un effetto molto negativo sull’organismo del bambino.
Questi includono:

  • Farmaci per la tosse contenenti codeina.
  • Acido acetilsalicilico
  • Farmaci citostatici
  • Immunosoppressori

Tuttavia, questo elenco non è assolutamente esaustivo. Assicuratevi di leggere il foglietto illustrativo di tutti i farmaci. Lì troverete informazioni sulla sicurezza dell’assunzione durante l’allattamento. In caso di dubbio, le madri dovrebbero consultare un medico o un farmacista.

Il sito web del Centro di Consulenza Embryotox, finanziato dal Ministero Federale della Salute, fornisce informazioni complete sulla terapia farmacologica durante la gravidanza e l’allattamento. È inoltre possibile trovare i dati scientifici di oltre 400 sostanze attive nella relativa app.

4. affidarsi a terapie non farmacologiche per il dolore lieve

mutter mit kinderwagen sitzt auf einer bank am wasser
Trascorrere più tempo possibile all’aria aperta
.

Per i dolori e le infezioni lievi, cercate sempre di evitare i farmaci. Questo vale soprattutto se si sospetta che cause come lo stress o il dormire troppo poco siano responsabili del malessere.

È anche possibile alleviare attivamente il dolore senza ricorrere ai farmaci.
Di seguito sono riportati alcuni esempi di misure non farmacologiche che possono dare sollievo al dolore lieve:

  • Esercizio fisico all’aria aperta (lunghe passeggiate, attività sportive leggere).
  • Tecniche di rilassamento, come lo yoga, il pilates o il training autogeno.
  • Riposo regolare e sonno abbondante
  • Trattamenti con calore o freddo, a seconda dei sintomi
  • Massaggi per il mal di testa e il mal di schiena
  • Sciacqui nasali e inalazioni per il raffreddore
  • Aumentare la quantità di bevande (preferibilmente acqua o tè non zuccherato).

Alcune madri ricorrono anche a farmaci omeopatici o a base di erbe. Ma anche i rimedi naturali non sono del tutto innocui, poiché possono contenere sostanze tossiche e nocive. Inoltre, la tolleranza all’allattamento spesso non è stata studiata o lo è stata appena.

5 Ulteriore letteratura sull’allattamento al seno

Offerta

Articoli correlati