Metodo Think-Pair-Share: apprendimento cooperativo a scuola

Nell’insegnamento frontale, di solito partecipano sempre gli stessi studenti. Questo porta spesso gli altri studenti a spegnersi e a non pensare più. Per evitare questo problema, gli insegnanti possono utilizzare di volta in volta metodi …

Metodo Think-Pair-Share: apprendimento cooperativo a scuola

think-pair-share-methode
  1. Rivista
  2. »
  3. I bambini
  4. »
  5. Scuola primaria
  6. »
  7. Metodo Think-Pair-Share: apprendimento cooperativo a scuola
Che cos’è il metodo Think-Pair-Share?

Il metodo think-pair-share è una delle forme di apprendimento cooperativo. Fondamentalmente, consiste nel lavorare su un argomento o su una domanda in tre fasi diverse. Dopo che gli studenti hanno lavorato sul compito individualmente, possono scambiare idee con un compagno. In seguito, le squadre presentano i risultati all’intero gruppo.

In quale classe e in quali materie è utile?

Poiché il metodo Think-Pair-Share è così versatile, può essere utilizzato sia nella scuola primaria che in quella secondaria. Lo stesso vale per le materie. Che si tratti di matematica, tedesco o musica, il metodo può essere utilizzato per insegnare un’ampia varietà di materie.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo metodo?

I vantaggi di questo metodo sono evidenti. Gli alunni sono attivati e motivati a partecipare allo sviluppo di un argomento. Inoltre, l’insegnante può progettare individualmente l’approccio e le domande. D’altra parte, i singoli studenti possono evitare di lavorare individualmente.

Nell’insegnamento frontale, di solito partecipano sempre gli stessi studenti. Questo porta spesso gli altri studenti a spegnersi e a non pensare più. Per evitare questo problema, gli insegnanti possono utilizzare di volta in volta metodi diversi per l’apprendimento cooperativo. Uno di questi è il metodo think-pair-share.

In questo articolo scoprirete cosa si intende con questo metodo, come funziona e in quali classi e in quali insegnanti può essere utilizzato in diverse materie. Inoltre, vi mostreremo le varianti e i principali vantaggi e svantaggi del metodo.
[button]Acquista ulteriore letteratura sull’argomento direttamente online[/button]

1. il metodo think-pair-share consiste nell’affrontare in modo intensivo un argomento

Efficacia dei metodi di apprendimento cooperativo
In una recente meta-analisi, i ricercatori hanno scoperto che l’apprendimento cooperativo ha un effetto positivo sui risultati degli studenti rispetto all’istruzione regolare. L’aumento del rendimento riguarda soprattutto le materie scientifiche e matematiche.

Quando l’insegnante pone una domanda in classe, alcuni studenti rispondono così velocemente che il resto della classe non riesce nemmeno a riflettere correttamente. Se questo accade più spesso, nel peggiore dei casi può portare alcuni studenti a non iniziare nemmeno a pensare alla domanda.

Il metodo Think-Pair-Share può aiutare a motivare nuovamente gli studenti e a farli partecipare più attivamente alla lezione. Il metodo Think-Pair-Share, come il metodo Placemat, è un apprendimento cooperativo.

Gli studenti imparano a prendere appunti da soli e a scambiarsi verbalmente i risultati. Attraverso la successiva presentazione dei risultati, hanno anche l’opportunità di presentare i risultati del lavoro di gruppo davanti alla classe in un documento.

Il metodo Think-Pair-Share si articola nelle seguenti tre fasi:

  • Pensare: L’insegnante pone una domanda o distribuisce un compito. In questa prima fase, il compito consiste nel lavorare individualmente sull’argomento. In un determinato periodo di tempo, gli studenti prendono appunti individualmente, come nel metodo del brainstorming.
  • A coppie: nella fase successiva, gli studenti si riuniscono in squadre di due persone. Nel lavoro a coppie, l’obiettivo è presentare i propri risultati l’uno all’altro e poi scambiarsi gli appunti. I gruppi devono avere a disposizione almeno 5-10 minuti per questo scambio.
  • Condividere: Nell’ultima fase, i gruppi di due persone presentano i risultati del compito all’intera plenaria. È anche possibile che solo una persona presenti i risultati. Per una migliore illustrazione, gli studenti possono anche creare un poster o una presentazione in Power Point.

Potete vederecome funziona il metodo think-pair-share anche in questo video:

2. l’utilizzo del metodo è molteplice

verschiedene schulfaecher
Il metodo Think-Pair-Share può essere utilizzato in tutte le materie
.

Poiché il metodo Think-Pair-Share è così versatile, può essere utilizzato in modo molto variabile in classe. Già i bambini della scuola primaria sono in grado di elaborare le proprie idee, condividerle con un compagno e poi presentarle alla classe. Tuttavia, il prerequisito fondamentale è che tutti gli alunni siano in grado di scrivere e scambiare idee oralmente, quindi il metodo ha senso solo a partire dalla terza elementare.

Sia nella scuola primaria che in quella secondaria, il metodo può essere utilizzato in tutte le materie. A seconda dell’argomento, tutti i gruppi di due persone possono lavorare sullo stesso compito o su compiti completamente diversi.

Ilmetodo può servire come introduzione a un argomento o essere utile per ripetere ciò che è stato appreso. Inoltre, il metodo Think-Pair-Share consente di comprendere e lavorare intensamente sui testi.

3. il metodo think-pair-share: vantaggi e svantaggi

L’apprendimento cooperativo è importante per navigare in un mondo interconnesso. Richiedendo agli studenti di coordinarsi e concordare insieme i risultati quando lavorano su un compito, si allenano le abilità cooperative.

Il metodo think-pair-share è un ottimo modo per promuovere questa competenza. Tuttavia, può anche causare problemi. Questo è particolarmente vero se l’insegnante non accompagna sufficientemente la procedura.

Di seguito presentiamo i principali vantaggi e svantaggi del metodo del think-pair-sharing:

  • Gli studenti sono attivati e motivati
  • Gli studenti silenziosi e deboli hanno l’opportunità di pensare da soli e poi di sostenersi a vicenda nel lavoro di gruppo.
  • Gli studenti si sentono più sicuri nella presentazione perché si tratta di risultati di gruppo.
  • Principio semplice che non richiede materiali aggiuntivi
  • i singoli alunni cercano di evitare di lavorare da soli
  • In alcuni casi, un alunno può affidarsi al compagno per risolvere il compito da solo.
  • In alcuni casi, il tempo a disposizione è troppo breve, per cui gli alunni non riescono a scambiarsi le idee.

4. le variazioni possono offrire varietà

kinder erarbeiten zusammen ein thema in der schule
Nella fase quadrata, gli studenti possono scambiarsi tra loro in un gruppo più ampio.

Anche se la preparazione necessaria per eseguire il metodo è minima, gli insegnanti devono assicurarsi di formulare la domanda in modo preciso. Inoltre, è importante preparare un piano temporale preciso per le singole fasi.

I risultati dei singoli gruppi dovrebbero essere registrati alla fine, ad esempio sulla lavagna, in modo che tutti gli studenti possano annotarli. Inoltre, può essere utile ottenere un feedback dagli studenti per adattare meglio il metodo alla composizione individuale della classe.

Per evitare che il metodo diventi noioso, si può variare di tanto in tanto come segue:

  • Think-Pair-Square: in questa variante, la fase Share è semplicemente sostituita da una fase Square. Ciò significa che dopo la discussione tra partner, si discute solo in un gruppo di quattro persone. Gli studenti non devono presentare i loro risultati in plenaria.
  • Pensare-Parlare-Parlare-Condividere: Nel metodo think-pair-square, il processo di risoluzione dei problemi è suddiviso in quattro fasi. Prima di presentare i risultati alla classe, le squadre di due persone si riuniscono in gruppi di quattro.
  • Think-Write-Pair-Square: estendendo la fase “Write”, si chiede esplicitamente agli studenti non solo di pensare alla domanda, ma anche di scriverla sotto forma di appunti o di testo.
Suggerimento: pensate in anticipo a come comporre i gruppi di lavoro individuali. In questo modo si può evitare che un solo studente faccia tutto il lavoro o che non ci sia un vero scambio nel gruppo. È ottimale mescolare il gruppo in termini di prestazioni intellettuali, sesso e background culturale.

5. ulteriore letteratura sull’argomento

OffertaBestseller No. 1
OffertaBestseller No. 2
OffertaBestseller No. 3
Apprendimento cooperativo in pratica. Proposte operative per attività di gruppo in classe
  • Editore: Erickson
  • Autore: Anna La Prova , Nadia Brugnara , E. Arnaldi
  • Collana: I materiali
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2015

Articoli correlati