Il parto naturale: processo e durata e quando non è possibile

La maggior parte delle donne inizia a pensare al modo in cui desidera far nascere il proprio figlio prima o al più tardi durante la gravidanza. Sebbene la percentuale di parti in ospedale con taglio …

Il parto naturale: processo e durata e quando non è possibile

natuerliche geburt
  1. Rivista
  2. »
  3. Gravidanza
  4. »
  5. Durante la gravidanza
  6. »
  7. Il parto naturale: processo e durata e quando non è possibile
Quali sono le caratteristiche di un parto naturale?

Un parto naturale è un parto spontaneo in cui le contrazioni iniziano e si sviluppano naturalmente. Non vengono utilizzati ausili e antidolorifici. Sono consentite solo misure per indurre il travaglio in modo naturale.

Come funziona un parto spontaneo?

Un parto naturale inizia con le contrazioni pre-parto. Queste fanno sì che la cervice si apra di qualche centimetro, consentendo l’inizio della fase di apertura. Nella successiva fase di espulsione, il bambino passa attraverso il canale del parto con l’aiuto delle contrazioni di spinta.

In quali casi non è possibile partorire naturalmente?

Per alcune donne è necessario ricorrere al parto cesareo per motivi medici, per non mettere in pericolo la salute della madre e del bambino. I motivi più comuni sono una presentazione podalica o un cordone ombelicale prolassato.

La maggior parte delle donne inizia a pensare al modo in cui desidera far nascere il proprio figlio prima o al più tardi durante la gravidanza. Sebbene la percentuale di parti in ospedale con taglio cesareo sia di circa il 30%, molte donne desiderano comunque un parto naturale.

In questo articolo spieghiamo cos’è il parto naturale e come si svolge di solito. Vi mostriamo i vantaggi e gli svantaggi di un parto naturale e vi diamo informazioni su quando un parto naturale non è possibile.

[button]Ulteriore letteratura sul parto naturale[/button]

1. un parto naturale inizia spontaneamente e avviene senza alcun intervento esterno

schwangere frau mit einem vorzeitigen blasensprung
A volte il parto inizia con la rottura prematura delle membrane.

Fino a qualche decennio fa, era perfettamente normale dare alla luce un bambino in modo naturale. Nella maggior parte dei casi, i bambini nascevano nel comfort della propria casa, piuttosto che in ospedale. Tuttavia, questo comportava anche molti aborti spontanei e nati morti.

Grazie ai progressi tecnici e medici, oggi è possibile rendere il parto più facile per la madre. Esistono diversi mezzi per alleviare il dolore e rendere il parto più sopportabile. Se lo si desidera, oggi è possibile eseguire un parto cesareo anche senza indicazione medica.

Secondo l’Ufficio federale di statistica, nel 2017 il 30,5% dei parti in ospedale è avvenuto con taglio cesareo. Tuttavia, molte donne incinte desiderano ancora un parto naturale. Ma cosa significa effettivamente dare alla luce un bambino in modo naturale?

Ilparto naturale, chiamato anche parto vaginale, è innanzitutto un parto spontaneo. Ciò significa che il parto inizia spontaneamente e quindi non c’è alcun intervento esterno. Le contrazioni devono iniziare da sole e trovare un ritmo adeguato. Inoltre, non c’è bisogno di un’epidurale o di altri ausili. Per definizione, non esiste un parto naturale con epidurale.

Molte ostetriche si affidano ora all’induzione naturale del travaglio e ai fattori scatenanti naturali del travaglio per farlo avanzare. Questi includono, ad esempio, bagni caldi, passeggiate o massaggi addominali.

2. La paura del dolore è in primo piano

Parto naturale dopo l’asportazione del mioma

Molte donne pensano che dopo l’asportazione di un mioma possano partorire solo con il parto cesareo. Tuttavia, questo non è vero. Secondo uno studio italiano, il 90% delle donne interessate ha partorito per via vaginale.

Ma anche se molte donne optano in anticipo per un parto naturale, la percentuale di parti cesarei è aumentata notevolmente negli ultimi decenni. Qual è il motivo?

Sebbene l’idea di dare alla luce un bambino in modo naturale sia molto bella per molte donne, spesso durante la gravidanza sorgono timori e dubbi.

Le maggiori preoccupazioni delle donne sono:

  • Paura del dolore
  • Panico di perdere il controllo
  • Preoccupazione per la propria salute e per quella del bambino
  • Paura del fallimento
  • Paura dell’incontinenza urinaria o della rottura del perineo

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, molte di queste preoccupazioni sono del tutto infondate. Infatti, il parto naturale presenta molti vantaggi. Le donne che partoriscono naturalmente si rimettono in piedi più velocemente e hanno meno problemi con l’allattamento. Inoltre, il parto naturale favorisce il legame madre-figlio.

Il parto spontaneo ha anche il vantaggio che la madre può essere sicura che il bambino sia pronto a scoprire il mondo. Questo ha un effetto positivo sulla regolazione del calore, sullo sviluppo dei polmoni e sul riflesso respiratorio.

Dopo il parto cesareo possono verificarsi anche effetti tardivi. Nel peggiore dei casi, l’intervento chirurgico può provocare escrescenze e aderenze.

3. parto naturale – ecco come funziona

frau mit schmerzen bei der geburt
In un parto naturale non si usano antidolorifici.

Non esiste una procedura fissa per un parto naturale. Sia la durata che la sensazione di dolore possono variare notevolmente. Tuttavia, durante il parto si attraversano diverse fasi.

Un parto naturale inizia con le contrazioni pre-parto. All’inizio sono molto irregolari, ma col tempo diventano più regolari e più forti. Queste contrazioni muscolari fanno sì che la cervice si apra sempre di più. Tuttavia, questa fase può durare diversi giorni.

Segue la fase di apertura, che dura in media dalle otto alle dodici ore. In questa fase, la cervice è già aperta di tre o quattro centimetri. Ora misurate il tempo che intercorre tra una contrazione e l’altra. Se il tempo è inferiore a dieci minuti, dovete recarvi in ospedale.

Se ilcollo dell’utero si apre di circa dieci centimetri, inizia la fase decisiva del parto, la fase di espulsione. Il bambino infila la testa nel canale del parto e si fa strada attraverso le contrazioni di spinta. Tuttavia, questa fase può durare fino a un’ora.

Una volta che il bambino ha attraversato il canale del parto, di solito viene appoggiato al seno della madre poco tempo dopo. A questo punto viene tagliato il cordone. A questo punto sono necessarie solo alcune contrazioni per espellere la placenta.

Suggerimento: con una preparazione intensiva al parto, è possibile facilitare il parto e sopportare meglio il dolore.

In questo video potete vedere un resoconto personale di un parto naturale:

4. a volte il parto cesareo è l’unica opzione possibile

zwillingsschwangerschaft
Anche con una gravidanza gemellare, a volte è possibile un parto naturale.

Anche se la maggior parte delle donne desidera un parto naturale per sé e per il proprio figlio, non sempre è possibile far nascere il bambino naturalmente. Se la data prevista per il parto è molto lontana, ad esempio, i medici devono indurre il parto artificialmente. Per alcune donne, già durante la gravidanza diventa chiaro che è necessario un parto cesareo.

Il parto cesareo è sempre l’unica opzione se la salute del bambino e/o della madre è a rischio. I motivi più comuni sono la posizione trasversale del bambino, il cordone ombelicale prolassato, la presentazione podalica o la minaccia di rottura dell’utero. Il parto cesareo può essere necessario anche se c’è uno squilibrio tra il bacino della madre e le dimensioni della testa del bambino.

Molte future mamme non sono sicure di poter dare alla luce i loro gemelli in modo naturale. Non esiste una risposta chiara a questa domanda. Nel caso dei gemelli, si deve sempre decidere spontaneamente e con poco preavviso se è possibile un parto naturale. Poiché i rischi sono maggiori, in ogni caso è necessario un maggiore impegno medico.

Se le condizioni di salute della madre o del bambino si deteriorano durante il parto, è necessario ricorrere al parto cesareo.

5 Ulteriore letteratura sul parto naturale

Bestseller No. 2
Bestseller No. 3

Articoli correlati