Paura del parto: come superare le preoccupazioni

Più la gravidanza avanza, più cresce l’attesa di poter finalmente tenere tra le braccia il proprio bambino. Allo stesso tempo, però, sorgono sentimenti di paura e ansia. Se la paura del parto diventa troppo grande, …

Paura del parto: come superare le preoccupazioni

angst vor geburt
  1. Rivista
  2. »
  3. Gravidanza
  4. »
  5. Durante la gravidanza
  6. »
  7. Paura del parto: come superare le preoccupazioni
La paura è meno pronunciata al secondo parto?

Se la paura è minore al secondo parto dipende da come la madre ha vissuto il primo parto. Le esperienze fatte si trasferiscono automaticamente al parto successivo.

Come si può superare la paura del parto?

Per superare la paura del parto, è necessario informarsi in anticipo e parlarne con l’ostetrica. Anche il training autogeno e il pensiero positivo possono alleviare le paure.

In quali casi è consigliabile una terapia?

Se si soffre di una paura particolarmente forte, è consigliabile consultare uno psicologo. Questo vale soprattutto se la paura influisce sulla pianificazione familiare. In molti casi la terapia può superare la paura.

Più la gravidanza avanza, più cresce l’attesa di poter finalmente tenere tra le braccia il proprio bambino. Allo stesso tempo, però, sorgono sentimenti di paura e ansia. Se la paura del parto diventa troppo grande, è necessario adottare misure adeguate.

In questo articolo spieghiamo cosa teme la maggior parte delle donne in relazione al parto. Vi daremo consigli su modi semplici per alleviare le vostre paure e su quali casi è meglio rivolgersi a un professionista.
[button]Ulteriori letture sull’argomento[/button]

1. la maggior parte delle donne ha una sensazione di nausea

L’influenza della paura sul processo di nascita

In uno studio norvegese, i ricercatori sono riusciti a dimostrare che il processo di nascita è più lungo per le donne che hanno una grande paura del parto. In media, hanno avuto un travaglio di circa un’ora e mezza più lungo rispetto alle donne che non hanno paura del parto.

Le ultime settimane di gravidanza sono particolarmente stressanti per le donne, che hanno sempre più difficoltà a muoversi e a volte non dormono affatto. Se da un lato si desidera il parto, dall’altro cresce anche la paura.

Il parto è un evento grandioso e allo stesso tempo unico, che è indubbiamente associato al dolore. La maggior parte delle donne ha una sensazione di nausea quando pensa al giorno che le aspetta.

La paura del dolore del parto, delle possibili complicazioni del parto e dell’induzione artificiale del travaglio sono le maggiori paure delle donne nei confronti del parto. Alcune donne temono anche che il parto sia troppo lungo e che non siano in grado di affrontare la procedura.

Temono anche di dover ricorrere all’episiotomia o eventualmente al parto cesareo. Le donne che soffrono di emorroidi in gravidanza temono anche che il parto vaginale non sia possibile o sia particolarmente doloroso.

Tuttavia, il grado di paura del parto varia notevolmente da donna a donna. Il grado varia da una lieve ansia al panico. Tuttavia, per avere un parto il più possibile privo di stress, è importante cercare un modo per superare le proprie paure.

Per alcune donne, la paura del parto è così grande che si astengono dal creare una famiglia. Se il desiderio di avere un figlio è forte, è necessario rivolgersi a un professionista.

Nel video che segue troverete molte altre informazioni sul perché non dovete avere paura del parto:

2. serenità vs. paura – nel 2° parto l’esperienza è decisiva

junge schwangere frau mit ihrem mann und ihrem kind zuhause
Le madri che hanno avuto un primo parto bello sono molto più rilassate riguardo al parto successivo.

Molti pensano che la paura sia maggiore quando nasce il primo figlio. Dopo tutto, la futura mamma non sa cosa aspettarsi, quanto saranno forti i dolori del parto e di cosa è capace il suo corpo.

Da un lato, questi fattori possono generare una grande incertezza e ansia. Allo stesso tempo, però, questo non significa che la paura debba automaticamente diminuire con il secondo figlio.

Anzi, può accadere il contrario. Mentre le donne che hanno avuto un’esperienza positiva alla nascita del primo figlio hanno meno paura al secondo parto, per le madri con un primo parto negativo, il secondo parto è spesso segnato da paure ancora maggiori.

Le esperienze vissute durante il primo parto determinano quindi l’entità della paura durante il secondo.

3 Superare la paura del parto: questi consigli possono ridurre i timori

werdende mutter in einem gespraech mit ihrer hebamme
Parlate apertamente con la vostra ostetrica o scambiate idee con altre mamme.

La paura del parto non è solo fastidiosa, ma può anche avere un effetto negativo sullo sviluppo del bambino. Pertanto, iniziate a controllare le vostre paure il prima possibile. Solo così sarà possibile affrontare il parto in modo rilassato.

Ma cosa possono fare le donne per superare le loro paure?

Di seguito abbiamo raccolto per voi alcuni modi per alleviare l’ansia:

  • Partecipare agli eventi informativi: Per prepararvi al meglio al parto, dovreste partecipare al maggior numero possibile di eventi informativi. È anche importante frequentare un corso di preparazione al parto per imparare le tecniche di respirazione appropriate. Una volta scelto l’ospedale o la clinica, potete contattarli per conoscere in anticipo i medici e le ostetriche.
  • Confidatevi con l’ostetrica: La paura del parto è del tutto naturale e non bisogna vergognarsene. Quindi parlate subito con il vostro ginecologo o con l’ostetrica delle vostre paure e di ciò che vi preoccupa di più. In molti casi, professionisti qualificati saranno in grado di aiutarvi a superare molte delle vostre paure con l’aiuto della loro esperienza.
  • Agopuntura: i naturopati credono fermamente che l’ansia possa essere alleviata con l’inserimento di aghi. In questo modo si interrompe il ciclo della paura e dei pensieri negativi.
  • Training autogeno: il training autogeno, lo yoga o il rilassamento muscolare consapevole possono aiutare a entrare in sintonia con il proprio corpo e a raggiungere la serenità. Molte strutture offrono questi corsi specialmente per le donne in gravidanza.
  • Assumere antidolorifici: Il panico per il parto può portare a forti crampi, che a loro volta possono impedire il travaglio o interrompere il processo di nascita. Gli antidolorifici possono fare miracoli per rilassare i muscoli. Per eliminare quasi completamente il dolore, si può anche ricorrere all’epidurale.
  • Pensare positivo: è dimostrato che il pensiero positivo libera dai pensieri negativi e dall’ansia. Lasciatevi andare al riposo e al relax e guardate con fiducia alla nascita del vostro bambino. Rendetevi conto che siete fortunate a poter dare la vita a un essere umano. Abbiate fiducia nel vostro corpo e ricordate sempre che in ospedale la salute vostra e del vostro bambino è in buone mani. Anche la presenza del vostro partner può aiutarvi a rilassarvi.

Molte donne che prima avevano molta paura del parto hanno riferito che dopo non è stato così terribile come avevano immaginato. Anche l’induzione del travaglio è spesso meno negativa del previsto.

4 Cercare un aiuto psicologico in caso di forti paure

junge frau bei einem psychologen
In terapia, potete lavorare con lo psicologo per scoprire esattamente di cosa avete paura.

Il fatto che tra i conoscenti o i familiari si raccontino sempre più storie dell’orrore su nascite che sono state associate a complicazioni particolarmente numerose spesso peggiora le cose per le persone interessate.

Quando la paura si trasforma in terrore estremo, gli esperti parlano di tocofobia. Questo disturbo mentale può manifestarsi in diverse fasi della vita. La tocofobia primaria nasce da impressioni spaventose nell’adolescenza. Può trattarsi di un film su una nascita o su un destino nella cerchia familiare più stretta.

La tocofobia secondaria, invece, nasce da esperienze traumatiche, come una precedente esperienza di nascita. Questa esperienza può diventare così radicata che le donne non riescono più a immaginare di partorire una seconda volta.

È importante cercare un aiuto psicologico e, se necessario, sottoporsi a una terapia. Se la paura è ancora troppo forte, è possibile ricorrere al parto cesareo elettivo. In questo caso, rivolgetevi al vostro ginecologo e fatevi consigliare in modo dettagliato.

Purtroppo, c’è ancora una grande mancanza di servizi di supporto per le donne in attesa o che desiderano avere figli.

5. libri adeguati con informazioni sul parto

Bestseller No. 1
Schwangerschaft und Geburt
  • Villinger, Thomas (Author)
Bestseller No. 3
Eine Minute Hebammenwissen
  • Schneider, Isabelle (Author)

Articoli correlati