Alimentazione del bambino: gli alimenti giusti nel primo anno di vita

I bambini compiono molti passi nel primo anno di vita. Per garantire che siano sempre ben cur ati, l’alimentazione del bambino è un aspetto importante. Nel nostro articolo vi mostriamo come nutrire il vostro bambino …

Alimentazione del bambino: gli alimenti giusti nel primo anno di vita

baby ernaehrung
  1. Rivista
  2. »
  3. Salute
  4. »
  5. Alimentazione
  6. »
  7. Alimentazione del bambino: gli alimenti giusti nel primo anno di vita
Per quanto tempo devo allattare il mio bambino?

La cosa migliore è allattare esclusivamente al seno il bambino fino all’età di 5 mesi. Successivamente, si può continuare ad allattare il bambino, ma integrando gli alimenti complementari e riducendo a zero la quantità di allattamento al seno fino alla fine del primo anno di vita.

Posso bere alcolici se allatto il mio bambino?

L’ideale sarebbe non bere alcolici per garantire una nutrizione ottimale del bambino. Tuttavia, se non si vuole rinunciare del tutto a un bicchiere di vino, si può allattare il bambino prima ed è meglio tirare il latte.
Il problema è che l’alcol si decompone relativamente lentamente, quindi si possono trovare residui nel latte materno.

I bambini possono mangiare il sale?

Ci sono alcuni alimenti che non sono adatti all’alimentazione dei bambini. Il sale affatica i reni e quindi va bene solo in dosi molto deboli, ma può anche essere omesso del tutto.
Di solito i prodotti pronti contengono troppo sale.

I bambini compiono molti passi nel primo anno di vita. Per garantire che siano sempre ben cur ati, l’alimentazione del bambino è un aspetto importante.

Nel nostro articolo vi mostriamo come nutrire il vostro bambino in modo sano e corretto, cosa può già mangiare un bambino e di quali cose dovreste fare a meno all’inizio.
[Libri sull’alimentazione del bambino [/button]

1. alimentazione del bambino – allattamento al seno, alimenti complementari e pasti regolari

Il primo anno di vita del bambino è molto importante per il suo sviluppo. Dopo tutto, il loro peso è più che raddoppiato e devono conoscere il mondo in tutte le sue sfaccettature.
Il seno materno svolge il ruolo principale in questo senso per i primi mesi.

L’ideale sarebbe allattare il bambino esclusivamente al seno per i primi 4-6 mesi. Se tutto va secondo i piani, non dovrete preoccuparvi di altre poppate subito dopo la nascita.

Successivamente, inizia una fase in cui è possibile iniziare gradualmente a somministrare alimenti complementari. La porzione di latte diminuisce gradualmente dal 4° o 6° mese al 10° o 12° mese.
Segue il passaggio ai pasti in famiglia con ricette adatte ai bambini.

Se non potete allattare al seno, potete iniziare a somministrare al vostro bambino una prealimentazione. Questa sostituisce il latte materno.
Si può anche somministrare in aggiunta agli alimenti complementari per tutto il primo anno di vita
.

2. vicinanza e familiarità durante i pasti

eine mutter fuettert ihr baby
L’alimentazione è legata in modo determinante all’aspetto della vicinanza.

Se i bambini dovessero descrivere il loro primo anno di vita, probabilmente non parlerebbero tanto di fame e sete, quanto di vicinanza e sicurezza.
In fondo, sono questi gli aspetti di grande importanza per lo sviluppo futuro, oltre al puro apporto di micro e macronutrienti.

Pertanto, prendetevi sempre del tempo per l’allattamento al seno o per l’alimentazione complementare. Il vostro bambino noterà se siete frenetici o rilassati. In questo modo, è possibile trasferire automaticamente al bambino i sentimenti negativi, come lo stress.

Anche se i bambini nella prima fase di vita hanno automaticamente un rapporto naturale più forte con la madre, il passaggio all’alimentazione complementare è un’opportunità per coinvolgere sia il padre che la madre nell ‘alimentazione del bambino.
Come genitori, assicuratevi di ridere insieme quando le cose non vanno bene e i primi tentativi di alimentazione vanno male.

Attenzione: nelle prime settimane di vita, lo stomaco dei bambini è ancora molto piccolo. Per questo motivo, i bambini hanno bisogno di bere circa ogni una o tre ore.
In seguito, i bambini assumono gradualmente più latte materno, per cui anche gli intervalli tra le poppate aumentano notevolmente
.

3 L’alimentazione del bambino: un compito responsabile durante il periodo dell’allattamento al seno

Mentre allattate il vostro bambino, dovreste seguire i principi di un’alimentazione sana ed equilibrata. Se finora avete trascurato questo aspetto, è giunto il momento di cambiare qualcosa per fornire al vostro bambino tutti i nutrienti e i minerali importanti.

È quindi meglio attenersi ai seguenti principi:

  • Non fumare e astenersi dall’alcol.
  • Assumere il caffè con moderazione. È meglio non bere più di 1 o 2 tazze al giorno.
  • Mangiate il minor numero possibile di alimenti flatulenti. Le cipolle dovrebbero essere consumate solo in piccole quantità.
  • Consumare pochi agrumi, come arance, limoni o pompelmi.
  • Assumere una quantità sufficiente di calcio nella dieta. I latticini, come il formaggio, lo yogurt o il quark, sono fonti particolarmente valide.
  • Gli integratori alimentari non sono generalmente necessari.
  • La quantità di calorie necessarie aumenta di circa 500 al giorno, ma varia da persona a persona.
  • Non mettetevi a dieta mentre allattate il vostro bambino, perché questo ha un effetto negativo sulla quantità e sulla composizione del latte materno.
Suggerimento: mangiate una dieta varia. In questo modo il bambino imparerà a conoscere i diversi gusti.

4 L’introduzione di alimenti complementari: un piano chiaro facilita la preparazione.

Prodotti pronti per l’uso:
Come dimostra un recente studio, molti prodotti pronti per i bambini contengono troppi zuccheri.

Per l’introduzione di alimenti complementari, si consiglia di utilizzare verdure in purea. Nella seconda settimana si aggiungono le patate.
Nella terza settimana, aggiungere un po’ di carne al porridge di verdure.
È meglio sostituire la carne con pesce grasso, come il salmone, una volta alla settimana.

È anche possibile alimentare il bambino con una dieta vegetariana. Tuttavia, a volte ci sono grossi ostacoli per quanto riguarda la composizione. Se non siete sicuri, rivolgetevi a un esperto di nutrizione o mettete da parte le vostre esigenze per un po’.

Sostituite gradualmente non solo uno, ma tutti i pasti giornalieri dell’allattamento con alimenti complementari. Seguono latte e porridge di cereali la sera e frutta e porridge di cereali alla fine.

Poiché nei primi mesi di vita i bambini hanno fatto a meno del porridge, alcuni bambini trovano difficile il cambiamento.
Per questo motivo, all’inizio si consiglia di provare un porridge più liquido. Non appena questo viene accettato, la pappa può diventare sempre più solida e sbocconcellata.

Suggerimento: se cucinate voi stessi per il vostro bambino e per la vostra famiglia, il bambino si abituerà rapidamente alla varietà dei gusti. Con i prodotti pronti, invece, c’è il rischio che tutto abbia sempre un sapore molto simile e che i bambini reagiscano meno apertamente alle novità.

In questo video potete vedere un’idea di come potrebbe essere l’alimentazione del bambino nel primo anno di vita:

5. alimenti non adatti all’alimentazione del bambino nel primo anno di vita

Molti genitori non sono sicuri di ciò che è consentito nell’alimentazione del bambino e quindi cercano le risposte in una tabella o in un libro.
Per darvi un primo indizio e per evitare che dobbiate documentarvi a fondo sull’argomento, nella nostra tabella abbiamo elencato brevemente i principali alimenti adatti e non adatti:

Alimenti buoni per l’alimentazione del bambino Alimenti inadatti all’alimentazione del bambino
Quasi tutte le verdure (carote, zucchine, finocchi, zucca, spinaci ecc.) Verdure che causano flatulenza (cipolle, lenticchie, piselli, cavoli, ecc.), verdure difficili da digerire (peperoni) e verdure che contengono tossine (melanzane).
Oli biologici di alta qualità Gli oli semplici, soprattutto quelli spremuti a freddo senza etichetta biologica, contengono talvolta troppe sostanze nocive.
Zucchero naturale (sotto forma di frutta) zucchero e miele (sia nelle bevande che negli alimenti)
alimenti naturali e non trasformati prodotti pronti con esaltatori di sapidità, aromi e conservanti
Latte materno (soprattutto nel primo anno di vita) Latte vaccino e prodotti con latte vaccino (nel primo anno di vita)
spezie leggere (tuttavia, i bambini dovrebbero prima conoscere il gusto puro di un alimento) spezie piccanti, pepe e sale (vanno bene solo in dosi estremamente ridotte)

Man mano che il bambino cresce, è possibile discostarsi sempre di più dal piano e provare nuove cose.
Tuttavia, iniziate sempre con delicatezza e provate, ad esempio, una nuova spezia come il timo e non un mix di spezie per scoprire cosa piace al vostro bambino.

6. lettura per la gravidanza – alimentazione del bambino nel primo anno di vita

OffertaBestseller No. 1
OffertaBestseller No. 2
L'alimentazione spiegata ai bambini
  • Laprovitera, Andrea (Author)

Articoli correlati